/ CRONACA

CRONACA | 14 luglio 2019, 15:48

Omicidio di Deborah Ballesio, il racconto dei testimoni: “Aveva preso lezioni di kickboxing e il porto d'armi ma non ha avuto tempo per difendersi” (Video)

I racconti di chi le era a fianco nel momento della tragedia: una collega che serviva ai tavoli e un ragazzo che stava cantando con lei al karaoke

La scena del delitto

La scena del delitto

Stava prendendo lezioni di kickboxing, aveva preso il porto d'armi ed era diventata istruttrice di tiro ma purtroppo non le è bastato per salvarsi.

Deborah Ballesio, 39 anni, ieri, alle 22.30, è stata uccisa a Savona nel ristorante Aquario di via Nizza con 5 colpi d'arma da fuoco dall'ex marito Domenico "Mimmo" Massari, 54 anni tutt'ora ricercato dalla polizia (Leggi QUI).

"Ero lì vicino a Deborah, stavo sparecchiando un tavolo, quando lo abbiamo visto arrivare dalla spiaggia. Le ha detto che finalmente l'aveva trovata e ha sparato 5 volte. È uscito dal cancello con la pistola in mano correndo, correvano tutti quindi è passato inosservato" spiega una collega, B.I., che ha specificato che la donna veniva a lavorare nel locale solo per gestire le serate in karaoke (in passato era già stata dipendente all'Aquario con altre mansioni) e viveva da sola a Millesimo, in passato aveva la residenza a Plodio.

"Era fidanzata (il compagno Luca è di Alessandria), era contenta, felice, ma mi diceva sempre di aver paura, aveva timore. Non ha avuto tempo di difendersi. C'erano tanti bambini, famiglie, sono scappati tutti" conclude la testimone.

Un ragazzo che ha partecipato alla serata insieme alla fidanzata era sul palco con lei in quel momento: "Ieri sera stavo cantando con la signora che gestiva il karaoke, aveva invitato il pubblico a partecipare. Improvvisamente, durante un cambio di canzone, un pezzo di Adriano Pappalardo, abbiamo visto subentrare dalla spiaggia un signore che ha iniziato a gridare 'Ti ricordi di me? Finalmente ti ho trovato' e poi ha iniziato a sparare. Mi reputo abbastanza fortunato e miracolato per non essere stato colpito essendo a fianco a lei".

Deborah Ballesio aveva lavorato per qualche mese nel 2012 nella S.M.S. zinolese, come spiegato dal barista della società: "Svolgeva le mansioni da barista, con i turni, è sempre stata una persona corretta, ha sempre lavorato bene, della sua vita privata non so bene. Quando si è licenziata da qua dopo poco tempo ha aperto un locale ad Altare con questa persona con il quale si era sposata, so che aveva avuto problemi, che gli avevano bruciato il locale (leggi QUI) ma non ho saputo più nulla".

"L'ex marito non lo conosciamo bene, anche perchè non frequenta la società, qualche cliente invece lo conosce da una vita perchè è di Savona" conclude il barista della SMS Zinolese.

Luciano Parodi e Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium