/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 11 luglio 2019, 13:41

Il Comune di Taggia chiama all'appello il terzo settore per la creazione di progettualità condivise per i giovani

C'è tempo fino al 17 luglio per presentare domanda ed entro fine mese si riunirà il primo tavolo sulle politiche giovanile e sulla coprogettazione per i due centri aggregativi, l'Albero Magico ed il C.A.G..

Annarita Longhi e Maurizio Negroni

Annarita Longhi e Maurizio Negroni

Per il mondo del terzo settore ci sarà tempo fino alle ore 12 di mercoledì 17 luglio per presentare domanda per aderire al tavolo per le politiche giovanili organizzato dal Comune di Taggia. L'iniziativa è volta alla costituzione di un organo che riunisca le principali associazioni e cooperative di questo ambito, per la condivisione di idee e progetti da applicare sull'Albero Magico e il Centro di Aggregazione Giovanlie. 

Ad oggi queste due realtà insistenti su Taggia sono in grado di attirare un bacino d'utenza considerevole, oltre un centinaio tra bambini e ragazzi. L'Albero Magico è gestito dalla coop Hesperos di San Lorenzo al Mare, segue la fascia d'età tra i 6 ed i 16 anni ed è ospitato presso le scuole Ruffini di Taggia. Invece, il Centro di Aggregazione Giovanile, è gestito da L'Ancora, all'interno dei locali nel complesso delle ex Caserme Revelli di Levà e copre la fascia d'età tra gli 11 ed i 17 anni. 

Gli uffici comunali dei servizi sociali tabiesi hanno predisposto un bando per manifestazione di interesse finalizzato ad avviare un'attività di concertazione non tanto per la gestione di questi due spazi quanto per la presentazione di progettualità rivolge a questi giovani frequentatori.

L'INTERVISTA VIDEO ALL'ASSESSORE MAURIZIO NEGRONI



"Obiettivo di questa fase di co-progettazione è la definizione di un progetto territoriale, di durata biennale, coinvolgente il più ampio numero di realtà locali, anche informali, che intendano impegnarsi nell’attività di promozione di azioni per le politiche giovanili, attraverso le seguenti azioni: implementare la rete distrettuale attuale, dando continuità all'attività realizzata a favore dei giovani; costituire il tavolo di co-progettazione; aggregare le risorse, predisponendo iniziative con ricadute sull’Ambito Territoriale Sociale n. 8 (quindi comprendente anche tutti i piccoli borghi della Valle Argentina ndr); promuovere il coinvolgimento dei giovani, fascia 06 – 29 anni. Il progetto dovrà contenere azioni e piano economico-finanziario e dovrà rispondere alle linee di indirizzo regionale, ivi inclusa la compartecipazione dei soggetti no profit alla realizzazione dello stesso in quota non inferiore al 30% del costo complessivo" - si legge nel bando, presentato dalla responsabile del settore, Ilaria Natta.

I due centri per giovani sono realtà molto attive e conosciute tra i ragazzi non solo di Taggia ma di tutta la provincia. In questi spazi loro trovano possibilità aggregazione positiva attraverso attività ludico ricreative e formative che li aiutano nella crescita come individui. Un aiuto concreto soprattutto per gli adolescenti, aiutandoli a stare lontani dalla strada e da ben altre attività più dannose.  

L'iniziativa è stata presentata dall'assessore Maurizio Negroni che ha dichiarato: "Vogliamo riprogettare le attività delle politiche giovani creando un tavolo che collabori con noi. Tutto questo con un patto di sussidiarietà e con un impegno economico concreto di 60mila euro. L'intenzione è che gli interessati manifestino interesse e se si riterrà costituiremo una Associazione Temporanea di Scopo e poi nascerà un tavolo per concordare le attività relative alle politiche giovanili. Ci rivolgiamo a soggetti operanti sul territorio da almeno un anno e con risorse economiche adeguate. Abbiamo scelto questo metodo perchè riteniamo che con un maggiore concorso di più soggetti ci sia possibilità di avere un ventaglio più ampio di possibilità. Dietro questo discorso c’è un lavoro fatto dagli uffici che tiene conto di una esperienza pluriennale in un settore difficile e dedicato che richiede l’attenzione nostra ma anche di tutta la società. Il tavolo sarà aperto a 360 gradi e in caso di necessità abbiamo voglia di riconfermare questa attività perché non crediamo che in due anni si possa risolvere questa necessità". 

La scadenza per entrare a far parte del bando è il 17 luglio. La settimana seguente il tavolo si riunirà con tutti i soggetti che il Comune avrà selezionato. La prima riunione è fissata per il 24 luglio, ore 10, nella sala giunta in municipio

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium