/ GOURMET

GOURMET | 27 giugno 2019, 09:00

Pedalando (senza fatica) tra le rocche e le vigne del Roero

Con le E-MTB potrete scoprire le Rocche del Roero, pedalando tra i vitigni di Arneis, Nebbiolo e Moscato e attraversando un territorio riconosciuto e tutelato dall'Unesco.

Pedalando (senza fatica) tra le rocche e le vigne del Roero

Nonostante l’opposizione dei puristi per i quali la salita è per prima cosa fatica ed il vero piacere consiste nell’arrivare in cima con le proprie gambe, le e-Mountain Bike rappresentano oggi un fenomeno in continua espansione.

Hanno avvicinato al ciclismo persone che da anni non salivano in bicicletta, ma soprattutto hanno permesso ad un grande pubblico di appassionati di poter affrontare percorsi difficili senza difficoltà. Chi vi scrive ha sperimentato un percorso di 20 km da Canale a Monticello d’Alba attraversando strade e sentieri in un susseguirsi di salite e discese tra boschi e vigneti, torri medievali e le selvagge Rocche, dove nasce il prezioso tartufo bianco. Due ore per percorrere il tracciato in tutta calma, godendo della bellezza del paesaggio e affrontando anche salite impegnative, diventate facilissime grazie alla pedalata assistita.

Il tour era rivolto a giornalisti enogastronomici, categoria non propriamente sportiva per definizione, ma pronta ad accogliere con entusiasmo tutte le comodità, anche quella delle bici elettriche. Nel Roero opera un ecomuseo a cielo aperto, che ha come mission la valorizzazione delle bellezze del territorio e per farlo ha organizzato una serie di attività che permettono ai turisti di vivere la vacanza in pieno contatto con la natura. Ci sono oggi 26 percorsi tematici ad anello che permettono di ritornare al punto di partenza una volta completato il trekking o la pedalata, dopo aver attraversato boschi e colline del Roero in piena autonomia.

Percorsi ben segnalati che si possono affrontare da soli in sicurezza noleggiando una bicicletta e una guida locale se volete seguire le orme degli animali del bosco e scoprire la ricchezza della vegetazione spontanea. Ma se volete andare da soli, nessun problema avrete a disposizione la mappa dettagliata, la app per smartphone con audioguida e navigatore, la traccia GPX ed alla vostra escursione potrete abbinare anche la ricerca simulata del tartufo bianco d’Alba, il laboratorio di cucina tipica con uno chef esperto, il pic nic nei ciabòt dei contadini, le visite ai castelli medievali, alle residenze barocche, ai Musei e ai preziosi cicli di affreschi nel Roero.

Presso la sede dell’Ecomuseo sono disponibili la cartina dettagliata della Rete Sentieristica del Roero e l’audioguida per scoprire i segreti e le peculiarità ci ciascuno di essi. Inoltre per tutti i sentieri è a disposizione la traccia GPS gratuitamente scaricabile dal sito internet con l’indicazione dei punti di maggiore interesse.


L’Ecomuseo delle Rocche del Roero si trova a Montà (VN) in piazzetta della vecchia segheria, telefono 0173 976181 e sito internet: www.museodellerocche.it

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium