/ Attualità

Attualità | 22 giugno 2019, 17:10

Sloop ‘Ramoge – Kary’ alla Giraglia all'interno delle acque del ‘Santuario dei Cetacei’

Durante la competizione velica l'Accordo Ramoge ha avuto anche modo di esprimere competenze e programmare nuovi progetti in collaborazione con i Consoli del Mare di Sanremo: Capitano di Vascello Giuseppe Bonelli e Gianni Manuguerra

Sloop ‘Ramoge – Kary’ alla Giraglia all'interno delle acque del ‘Santuario dei Cetacei’

La Regata ‘Giraglia’ 2019 ha percorso una rotta di circa 241 miglia all'interno delle acque del ‘Santuario dei Cetacei’. Lo Sloop ‘RAMOGE – Kary’, Oceanis 49, dell'Armatore Riccardo Arvati, ha partecipato alla regata avvistando due Balenottere del Mediterraneo (Balaenoptera Physalus) che arricchiscono la biodiversità dell'area. Un grande Cetaceo, elegante e misterioso, che affascina con il suo soffio e la sua presenza altera. 

“L'Accordo ‘RAMOGE’ – si spiega nel comunicato - si dedica da decenni alla protezione dell'ambiente marino, ha contribuito in modo determinante alla partecipazione alla regata ‘Giraglia’, con lo Sloop ‘RAMOGE – Kary’, ha avuto anche modo di esprimere competenze e programmare nuovi progetti in collaborazione con i Consoli del Mare di Sanremo: Capitano di Vascello Giuseppe Bonelli e Gianni Manuguerra.

L'Armatore Riccardo Arvati e la Sig.ra Katya Arvati ringraziano l'equipaggio per la passione e determinazione dimostrate, in particolare la Segretaria generale di ‘RAMOGE’, Anne Vissio, i biologi marini che si occupano della difesa del Mare Tiziana Chieruzzi, Pierre Bouchet, gli ufficiali della Guardia Costiera Capitani di Vascello Giuseppe Bonelli e Nicola Stasi, di RAMOGE - Italia, lo Skipper Sergio Claudio, dinamico marinaio, e Gianni Manuguerra, narratore e cultore del Mare.

L'Armatore, Arch. Riccardo Arvati afferma che è un vero privilegio navigare, regatare e seguire la stessa rotta di prestigiosi velieri e di marinai straordinari. Per una giusta causa si augura di partecipare ancora in futuro alle missioni che l'Accordo ‘RAMOGE’ vorrà intraprendere per gli studi, la tutela, la protezione e la divulgazione delle bellezze del Mare”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium