/ GOURMET

GOURMET | 18 giugno 2019, 09:26

Alassio: sapore di sale…. sapore di Champagne

Una mareggiata di bollicine forza dieci sulla città del Muretto. Grande successo per la settima edizione di “Un mare di Champagne”

Alassio: sapore di sale…. sapore di Champagne

I numeri definitivi della manifestazione, che saranno comunicati nei prossimi giorni, non potranno che confermare la prima impressione, quella di un grande successo di questa manifestazione.

“Un mare di Champagne”, interamente dedicata a un prodotto conosciuto in tutto il mondo e in continua evoluzione, si è ormai conquistata un posto di assoluto rilievo nel panorama italiano. Lo hanno confermato ieri gli oltre mille visitatori provenienti da tutto il Nord Italia e dalla vicina Francia per assaggiare con la guida dei competenti Sommelier Fisar le 200 etichette proposte da 64 Maison.

La manifestazione è promossa dal Consorzio Macramé ‒ Dire Fare Mangiare, nato nel 2012 per valorizzare il territorio alassino e le sue eccellenze, in particolare nel settore enogastronomico.

Il segreto del successo, che ha confermato il trend di continua crescita dell'evento, è da ricercare nel cambio di location, la nuova e ampia terrazza del Grand Hotel Diana e nell’organizzazione perfetta, in grado di accogliere il visitatore dal suo arrivo al parcheggio, con un comodo e puntuale servizio navetta, e per tutta la durata della manifestazione anche con la tecnologia rappresentata da MEMORvINO, un bicchiere dotato di un microchip, che permette uno scambio di informazioni tra i produttori e i visitatori.

Tanto Champagne nei bicchieri e momenti di approfondimento dedicati alle verticali di importanti produttori, fra cui segnaliamo quello della Famiglia Steinbrück, che con Roberto Beneventano, relatore di grande competenza e simpatia, ha proposto una interessante e straordinaria verticale di 5 millesimati.

 

Ma per accompagnare la degustazione delle bollicine francesi anche ottimi prodotti italiani: le specialità Alfieri ravioli del plin e tajarin; Calvisius con lo storione e il caviale dal lago di Garda, un abbinamento di grande effetto e molto apprezzato dal pubblico;

la Granda Freschi, con i migliori baccalà dal nord dell’Islanda magistralmente preparati in deliziosi finger food dallo chef Manuel Marchetta del ristorante Mimosa di Sanremo; una originale presentazione della salsiccia di Bra in  formato Sushi ed un delicato salmone delle isole Faroe.

   

Per i tantissimi chef e operatori del settore, ma anche per tutti gli amanti delle bollicine, è stato un importante momento di incontro con produttori diversi e di confronto fra etichette di grande pregio. Il sorriso che Barbara Porzio, responsabile della segreteria organizzativa, ci ha regalato al momento del congedo vale più dei numeri e dei comunicati che ci saranno inviati nei prossimi giorni: è stato un grande successo. Complimenti!!!

 

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium