/ Cronaca

Cronaca | 12 giugno 2019, 16:32

Dolceacqua: in casa con droga e una pistola detenute illegalmente. Albanese patteggia tre anni e otto mesi

Si è concluso con un patteggiamento a 3 anni e otto mesi, il processo nei confronti di un albanese di 31 anni, difeso dall'avvocato Ramadan Tahiri, arrestato ad aprile del 2018 dalla Polizia, con l'accusa di detenzione illegale di arma da fuoco e detenzione di droga ai fini dello spaccio

Dolceacqua: in casa con droga e una pistola detenute illegalmente. Albanese patteggia tre anni e otto mesi

Si è concluso con un patteggiamento a 3 anni e otto mesi, davanti al giudice Anna Bonsignorio, il processo nei confronti di un albanese di 31 anni, difeso dall'avvocato Ramadan Tahiri, arrestato ad aprile del 2018 dalla Polizia, con l'accusa di detenzione illegale di arma da fuoco e detenzione di droga ai fini dello spaccio.

Gli agenti del commissariato di Ventimiglia, al seguito di una perquisizione in casa, avevano trovato una pistola con matricola abrasa, calibro 22 'short & long' marca EIG Derringer e una confezione con 46 proiettili calibro 22. Per quanto riguarda lo stupefacente, era stato rinvenuto all’interno di un mobile, un armadietto all’interno di una nicchia sul muro della camera da letto, dove erano occultati pistola e munizioni, anche droga nascosta in una cassetta in metallo all’interno di un  sacchetto in nylon.

All’interno della cassetta vi erano 4 sacchetti in cellophane termosaldato contenenti complessivamente 72.58 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, oltre che due bilancini di precisione. Inoltre sul comodino veniva  recuperato e successivamente sequestrato il telefono in uso allo straniero nel quale sono memorizzati dati ritenuti utili agli investigatori.

Come misura cautelare per l'uomo è stato confermato l'obbligo di firma. 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium