/ Cronaca

Cronaca | 11 giugno 2019, 09:22

Imperia: violenta rissa in un centro migranti a Piani, ad avere la peggio una donna soccorsa dalla Polizia

Ad avere la peggio una donna nigeriana, anche lei ospite della struttura, che ha cominciato a sentirsi male, facendo fatica a respirare. A soccorrerla un agente di polizia intervenuto insieme ai colleghi della Volante per sedare la lite

Imperia: violenta rissa in un centro migranti a Piani, ad avere la peggio una donna soccorsa dalla Polizia

Violenta rissa, la scorsa notte in un centro migranti nel quartiere di Piani a Imperia. Secondo una prima ricostruzione, la lite avrebbe visto protagoniste alcuni ospiti che avrebbero iniziato a litigare furiosamente per futili motivi.

Ad avere la peggio una donna nigeriana, anche lei ospite della struttura, che ha cominciato a sentirsi male, facendo fatica a respirare. A soccorrerla un agente di polizia intervenuto insieme ai colleghi della Volante per sedare la lite.

Sul posto anche la polizia Scientifica, i carabinieri, il 118 e la Croce Bianca che ha soccorso la donna e trasportata in ospedale in codice rosso. Ora si trova al nosocomio, le sue condizioni non desterebbero particolari preoccupazioni.

Non è purtroppo il primo episodio di violenza nei centri di accoglienza migranti. Solo alcune settimane fa un’altra lite aveva visto protagonisti due ospiti di una struttura a Caramagna.

La responsabile della cooperativa, Claudia Regina, coordinatrice del servizio di accoglienza migranti, interviene in merito all'episodio, chiarendo che al momento dell'intervento erano presenti tre operatori, di cui uno è rimasto ferito a un braccio nella colluttazione. La donna ferita, che come segnala la stessa cooperativa avrebbe manifestato già in passato problematiche comportamentali, è stata dimessa questa mattina dall'ospedale, sarà ascoltata dalla Questura per ricostruire la dinamica di quanto accaduto. La cooperativa fa sapere inoltre che è stata stata richiesta la revoca dell'accoglienza per le altre persone coinvolte. La richiesta è al vaglio della Prefettura.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium