/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 19 maggio 2019, 11:45

Ventimiglia: serie di controlli della Guardia Costiera sul luogo dell'incendio della barca a vela di ieri, nessun inquinamento

Intorno alle 19.30 l'imbarcazione è colata a piccolo nonostante il tentativo estremo di trainarla verso il porto più vicino, anche con l'ausilio di alcuni sub.

Ventimiglia: serie di controlli della Guardia Costiera sul luogo dell'incendio della barca a vela di ieri, nessun inquinamento

Nessun inquinamento riscontrato, almeno per ora, dai controlli eseguiti dalla Guardia Costiera questa mattina (e che proseguiranno nel corso della giornata), nella zona in cui si è registrato ieri l’incendio (cliccando QUI) che ha distrutto l’imbarcazione a vela di 12 metri, partita ieri da Imperia con a bordo 4 uomo di mezza età della provincia di Bergamo.

Il luogo dell’incendio è stato monitorato, nella serata di ieri da due motovedette (Cp864 e Cp715) della Guardia Costiera, oltre ad una pilotina della gendarmerie francese. In serata è stato anche tentato di rimorchiare la barca a vela, con l’ausilio di alcuni subacquei. Purtroppo, però, intorno alle 19.30 è affondata. L’imbarcazione è di stanza nel porto di Imperia dove è iscritta nel registro marittimo ed ora si trova sul fondo a circa un miglio marino dalla costa.

I 4 occupanti sono stati soccorsi subito da alcuni pescatori ventimigliesi (la notizia cliccando QUI) e portati a terra, dove a bordo di un’ambulanza della Croce Verde Intemelia sono stati trasportati all’ospedale di Bordighera per i controlli del caso. In serata sono stati dimessi e le loro condizioni, per fortuna, non destano preoccupazione.

I controlli della Guardia Costiera proseguiranno anche nel corso della giornata, sia sul luogo dell’affondamento della barca che sulla costa ma, fortunatamente, almeno per ora non viene riscontrato nessun inquinamento.

Ieri pomeriggio, sul luogo dell’incendio, sono confluiti i Vigili del Fuoco di Ventimiglia e Sanremo e la Guardia Costiera. Dalla barca si è levata un’alta colonna di fumo nero, che era visibile dalla città di confine e non solo.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium