/ Cronaca

Cronaca | 18 maggio 2019, 18:19

Sanremo: i Carabinieri fermano una 500, scoperto un chilo di cocaina per circa 100mila euro

Nell'ambito dello stesso servizio gli investigatori hanno tratto in arresto, per la terza volta, il ladro seriale di auto e biciclette di origine algerina resosi protagonista di molteplici furti tra Sanremo e Ventimiglia

Sanremo: i Carabinieri fermano una 500, scoperto un chilo di cocaina per circa 100mila euro

Decine le pattuglie impiegate, sia in divisa che in abiti civili, che hanno effettuato posti di controllo alla circolazione stradale, ispezioni e perquisizioni su tutto il territorio di competenza, concentrandosi principalmente nelle aree maggiormente sensibili al fenomeno dello spaccio di stupefacenti e dei furti in abitazione come le zone periferiche del centro matuziano ed il quartiere della 'Pigna'.  

Proprio durante un posto di controllo, i carabinieri della Sezione Radiomobile hanno fermato una Fiat 500 con a bordo due giovani residente nel savonese che, alla richiesta dei documenti identificativi, hanno assunto un atteggiamento nervoso, a tratti timoroso, in particolare il passeggero che, evidentemente sorpreso, ha finto di non avere i documenti d’identità con lui ingenerando sospetto nei militari che, d’iniziativa, hanno deciso di ispezionare l’auto.

Sotto il sedile del passeggero, avvolti in un asciugamano, i Carabinieri hanno rinvenuto due pacchi in cellophane contenenti mezzo kg di cocaina ciascuno. I giovani, che non hanno inteso fornire spiegazioni, sono stati arrestati in flagranza ed associati direttamente al Carcere di Sanremo. La droga recuperata, presumibilmente destinata al mercato savonese, venduta al dettaglio, avrebbe prodotto un profitto di circa 100.000 euro.  

Nell'ambito dello stesso servizio, gli investigatori della Sezione Operativa hanno tratto in arresto, per la terza volta, il ladro seriale di auto e biciclette di origine algerina che, nei giorni scorsi, si era reso protagonista di molteplici furti tra Sanremo e Ventimiglia. L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dagli operanti al GIP di Imperia proprio a seguito della reiterazione dei reati di natura predatoria. Una volta catturato è stato associato al carcere di Imperia.

I servizi di controllo del territorio verranno implementati anche nelle prossime settimane con l'approssimarsi della stagione estiva.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium