/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2019, 14:52

Cucina e territorio, l’Alberghiero di Arma di Taggia protagonista con due sfide tra i fornelli (foto e video)

Due video servizi con i protagonisti di questa giornata che ha visto l'Alberghiero al centro dell'attenzione con il progetto "Ahm...abili cuochi insieme ad Inail e con 'All'ultimo assaggio', per il Consiglio Comunale dei Ragazzi.

Doppia iniziativa per l’istituto Alberghiero di Arma di Taggia. Oggi gli alunni di questa ‘scuola-eccellenza’ della provincia di Imperia, si sono divisi tra la sfida “All’ultimo assaggio” ospitata negli spazi del Conad ed una gara culinaria insieme ad INAIL, nei locali scolastici sul lungomare armese, a conclusione del progetto progetto "Ahm... abili cuochi". 

VIDEO SERVIZIO ALL'ULTIMO ASSAGGIO

ALL’ULTIMO ASSAGGIO - Si tratta della competizione nata l’anno scorso ed organizzata dal Consiglio Comunale dei Ragazzi (C.C.R.) delle Scuole Superiori. La prova consiste una sfida di cucina, con prodotti del territorio forniti da Conad e numerose altre aziende del territorio. I piatti realizzati da due squadre sono stati giudicati da una giuria di qualità composta da: Barbara Antenucci, professoressa dell'Alberghiero e responsabile del progetto; Giacomo Casagrande, segretario del Lions Club Arma e Taggia; Giovanni Garibaldi, direttore della filiale della Banca di Caraglio di Arma di Taggia; Roberto Bellini, direttore del Conad ipermercato di Taggia; alcuni alunni dell'Istituto Colombo.  

Quest’anno il maltempo ci ha messo lo zampino e così l’evento che si sarebbe dovuto svolgere in piazza Tiziano Chierotti, è stato trasferito nello spazio commerciale dell’ipermercato Conad. Nonostante questa modifica dell’ultimo minuto si può dire che anche questa seconda edizione dell’iniziativa sia stata un successo grazie all'interessamento dell'amministrazione comunale, attraverso l'assessore Barbara Dumarte, la vicesindaco Chiara Cerri ed il consigliere comunale Manuel Fichera. Non di meno anche i Lions di fronte alla difficoltà dettata dalla pioggia si sono subito interessati per aiutare questi ragazzi.

La competizione ha visto trionfare la Squadra Blu composta da: Fabio De Lauretis, Andrea Matarese, Valentina Filippone, Elena Fossati, Andrea Sulkja. Onore anche per la squadra blu che si è abilmente difesa, con: Marcelo Sanabria, Adilì Tenga, Helena Semini, Roberto Garzo, Mikhail Pinelli. 

Molto gradita la principale novità introdotta quest'anno nel menù la presenza di una ricchissima varietà di fiori eduli. Un tripudio di colori con un ingrediente originale e di appeal declinato con alcune ricette della tradizione. Ottima la risposta della gente, incuriosita da giovani chef e dalle prelibatezze culinarie che sono stati in grado di preparare.

VIDEO SERVIZIO PROGETTO "AHM... ABILI CUOCHI" 



PROGETTO "AHM... ABILI CUOCHI" - Di diverso tenore invece la sfida che si è svolta nella sede dell’Istituto Alberghiero sul lungomare di Arma di Taggia. L’iniziativa è stata organizzata dalla scuola insieme all’INAIL di Imperia. Con questa gara, l’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro ha voluto dare via ad una nuova campagna comunicativa di sensibilizzazione sulla  prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare attenzione al settore della ristorazione. Infatti, nei giorni scorsi, gli alunni delle classi quarte, ramo alberghiero, hanno preso parte ad una giornata formativa tenuta da personale dell’INAIL e da due alunni delle classi quinte, già formati in precedenza dal processo prevenzione INAIL e da 2 studenti dell’ITIS di Savona. L’ultimo step è la gara di cucina odierna.

Quattro squadre, ciascuna composta da uno studente e da un ‘grande’ invalido INAIL, pronte a sfidarsi nella realizzazione di un primo piatto a base di pasta fresca. L’ultima parola spetterà ad una giuria tecnica composta dalla vicespreside dell'istituto tabiese, Annamaria Richiardi, dal presidente onorario della Federazione Italiana Cuochi, Francesco Ammirati e dal Direttore INAIL Enrico Lanzone. Una gara di cucina ma non solo, un percorso formativo per fare conoscere ai ragazzi l’importanza del rispetto della sicurezza sul luogo e la conoscenza dei rischi. In più, questo genere di iniziative forniscono un utile momento di socializzazione per queste persone diversamente abili. 

Stefano Michero e Silvia Iuliano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium