/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 17 maggio 2019, 07:11

Viabilità tra Liguria e Piemonte: affidati i lavori del 'Tenda Bis' ma intanto per viaggiare si spende tanto e si ottiene poco in cambio

In attesa di conoscere i tempi per la fine del nuovo tunnel (e poi quelli per la sistemazione del vecchio) chi viaggia in autostrada spende tanto e si trova più chilometri di lavori che altro.

Viabilità tra Liguria e Piemonte: affidati i lavori del 'Tenda Bis' ma intanto per viaggiare si spende tanto e si ottiene poco in cambio

Ed ora auguriamoci che l’affidamento alla ditta ‘Edilmaco’ per la costruzione del ‘Tenda Bis’ sia l’ultimo. Ovviamente nel senso che non ci siano più stop ai lavori per problemi di qualsiasi genere e che la viabilità tra Liguria e Piemonte diventi un po’ meno caotica di quella attuale.

Parliamo ovviamente di Statale 20 del Colle di Tenda, ormai da anni diventata un vero e proprio ‘percorso di guerra’ per chi si sposta tra le due regioni per lavoro, svago o altro e soprattutto per i due grossi lavori ad Airole e sul colle vero e proprio, che allungano il viaggio di almeno un’ora, se non si arriva al momento giusto, ovvero quando il semaforo è verde. Ma alla Statale 20 aggiungiamo anche l’autostrada, visto che per raggiungere il cuneese in molti sono costretti ad utilizzarla dall’estremo ponente, attraverso Savona e la Val Bormida.

E se la Statale 20 è un ‘percorso di guerra’ per i lavori, le autostrade A10 ed A6 non sono da meno. Chi viaggia in questi giorni sulle due importanti vie di comunicazione tra Liguria e Piemonte, si trova più spesso in pericolosissimi scambi di carreggiata che sulla via normale. Chilometri e chilometri di lavori, sicuramente importanti ed improcrastinabili, che rendono però i viaggi più lenti e pericolosi ma sempre molto costosi.

Se viaggiando sulla Statale del Tenda, oltre ai normali costi di benzina si può risparmiare qualcosa sull’autostrada (magari solo nel tratto necessario fino a Ventimiglia, parlando sempre della nostra provincia), per raggiungere Cuneo si pagano tra i 35 ed i 45 euro di pedaggio. Costi incredibili se si pensa che in Svizzera, per viaggiare 14 mesi si spendono 38 euro! Lo sappiamo è la scoperta dell’acqua calda, ma tutte le spese di viaggio che sosteniamo si ripercuotono ovviamente sui costi che ritroviamo nelle spedizioni e quindi anche sul cibo che acquistiamo ed altro.

C’è anche un’altra ‘via’ per raggiungere il Piemonte ed è la Statale 28 del Nava, sicuramente più agevole in questo periodo visto che i lavori sono decisamente meno, ma che è meno utilizzata dai ponentini.

Oggi, dopo la tragedia del ponte ‘Morandi’ le manutenzioni sulle autostrade sono ulteriormente aumentate, questo per evitarne di nuove. Ma è ovvio che i lavori si ripercuotono sui viaggi in una porzione di territorio che è facile inquadrare come l’ombelico del Mondo. Ai problemi di viabilità stradale bisogna aggiungere anche quello della linea ferroviaria, visto che se, da una parte, è aumentato il raddoppio del ponente, fino a quando esisterà un solo chilometro di singolo binario non potremo avere spostamenti veloci sulla strada ferrata.

Ora liguri e piemontesi attendono come la ‘Manna dal cielo’ il raddoppio del tunnel sul Tenda, anche se le tempistiche precise non sono ancora note, tenuto conto che, al termine dei lavori della nuova galleria, dovranno svolgersi quelli sulla vecchia, per ampliarla e sistemarla. C’è solo da augurarsi che non siano nuovamente tempi biblici e che finalmente si torni avere un po’ di luce… in fondo al tunnel.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium