/ Al Direttore

Al Direttore | 12 maggio 2019, 20:56

Sanremo: Tassa Rifiuti per le frazioni comunali, alcune riflessioni di una residente

Paola Rossi non si spiega il perché, nonostante la riduzione prevista per chi risiede a più di 500 metri dal punto di raccolta rifiuti, debba pagare ancora l'ultima rata della cartella non allineata con le nuove disposizioni

Sanremo: Tassa Rifiuti per le frazioni comunali, alcune riflessioni di una residente

"Egregio Direttore, Le scrivo per protestare contro il comportamento del Comune di Sanremo riguardo alla Tassa Rifiuti per le frazioni comunali.

A seguito delle lamentele degli abitanti per il considerevole aumento del tributo nel 2018, aumento ingiustificato perché in queste zone NON viene svolto il servizio ‘porta a porta’ come nel resto della città, a me e ai miei vicini era stato concesso di pagare solo la prima rata, con la promessa dell'emissione di una nuova cartella che tenesse conto della riduzione cui abbiamo sempre avuto diritto per il fatto di risiedere a più di 500 metri dal punto di raccolta rifiuti.

Da qualche giorno, però, è apparsa (sui bidoni dell'immondizia!!) una comunicazione dell'Ufficio Tributi con l'ULTIMATUM di saldare la rimanente parte della cartella entro il 31 maggio p.v, pena la decadenza del diritto all'agevolazione per l'anno 2019!

Io non mi occupo di questioni legali, ma questo comportamento oltre ad essere ingiusto mi sembra pure illegittimo, anche se riconosco di non aver notato se in città siano affissi manifesti che pubblicizzino adeguatamente questo obbligo.

Mi sono quindi informata presso il suddetto Ufficio: sarà necessario presentare un'istanza per poter usufruire dell'agevolazione nel 2018 e nel 2019, ma si potrà farlo SOLO dopo aver saldato la cartella 2018!! Non ho più parole...

Paola Rossi".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium