/ CRONACA

CRONACA | 11 maggio 2019, 13:41

Prosegue da parte dei Carabinieri la quotidiana attività di controllo del territorio e di contrasto ai reati predatori

L’attività ha portato i Carabinieri del Nucleo Operativo, unitamente ai militari della Compagnia della Guardia di Finanza, a denunciare in stato di libertà un 42enne macedone, irregolare sul territorio nazionale

Prosegue da parte dei Carabinieri la quotidiana attività di controllo del territorio e di contrasto ai reati predatori

Un arresto e un fermo di indiziato di delitto per furto aggravato, due denunce ed un maxi sequestro di prodotti contraffatti: è questo il bilancio dell’ultimo servizio ad alto impatto effettuato dai militari della Compagnia di Ventimiglia, che hanno intensificato i controlli e l’attività di contrasto ai reati predatori e alla contraffazione in occasione del mercato settimanale del venerdì.

Già dalle prime ore del mattino, infatti, Carabinieri in divisa e in abiti civili hanno dispiegato i servizi nell’area del mercato e nelle vie limitrofe, al fine di contrastare l’abusivismo commerciale tra i banchi autorizzati e la vendita di prodotti con marchio contraffatto.

L’attività ha portato i Carabinieri del Nucleo Operativo, unitamente ai militari della Compagnia della Guardia di Finanza, a denunciare in stato di libertà un 42enne macedone, irregolare sul territorio nazionale ed inottemperante al decreto di espulsione emesso nei suoi confronti, al quale sono stati sequestrati 77 articoli di noti marchi di moda con segni palesemente alterati.

Altri 94 articoli sono stati sequestrati dai militari della Stazione di Ventimiglia Principale, che li ha rinvenuti abbandonati ma già esposti in modo ordinato per la vendita; nel frattempo, personale della Stazione di Ventimiglia Alta è intervenuto, sempre nell’area del mercato, su richiesta di un turista francese che aveva appena subito il furto della propria giacca contenente telefono cellulare, libretto assegni e portafogli. I militari hanno prontamente bloccato l’autore, un 68enne algerino già noto alle forze dell’ordine, il quale - trovato anche in possesso di diversi strumenti da effrazione - stava frugando tra gli effetti personali del francese di cui si era appena appropriato. Per il responsabile, irregolare sul territorio nazionale e con un lungo curriculum di reati contro il patrimonio sono quindi scattate le manette, mentre al legittimo proprietario sono stati restituiti i propri effetti.

Lo scorso giovedì i Carabinieri del Nucleo Radiomobile avevano sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 27enne algerino responsabile del furto di due bicilette del valore complessivo di circa 4000 euro e denunciato per ricettazione un 20enne egiziano trovato in possesso di una delle biciclette rubate. I militari, dopo aver ricevuto la segnalazione di due analoghi furti avvenuti nel corso della mattinata, hanno notato il probabile autore del reato in sella ad una bicicletta che, per caratteristiche tecniche ed accessori, si discostava completamente da quelle di norma usate dagli stranieri. Condotto in caserma per accertarne l’identità e le responsabilità, il presunto autore, rispondente alla descrizione fornita e ripreso anche da una telecamera di videosorveglianza nell’atto di compiere uno dei furti, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e condotto presso il carcere di Imperia.

Poco dopo un altro straniero è stato notato in strada con una delle due biciclette rubate dall’algerino. Per lui, un 20enne egiziano, è scattata una denuncia per ricettazione mentre la bicicletta rubata, riconosciuta dal proprietario, gli è stata restituita.  A conclusione del rito direttissimo, per l’autore del furto ai danni del francese è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere; divieto di dimora invece per il 27enne algerino autore dei furti di biciclette.

Prosegue dunque incessante la quotidiana attività di controllo del territorio e di contrasto ai reati predatori da parte dei Carabinieri, rafforzata in occasione del mercato settimanale, al fine di assicurarne il regolare svolgimento, la tutela dei commercianti e dei numerosi avventori italiani e francesi che, con l’avvicinarsi dell’estate e delle belle giornate, iniziano ad affollare le strade cittadine.

CS

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium