/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 24 aprile 2019, 07:11

Vessalico: macello comprensoriale di valle, il Ministero dello Sviluppo Economico si pronuncia "Decaduta la domanda di finanziamento"

Nessun fondo statale per la struttura ferma da undici anni con il solo scheletro esterno realizzato e mai pagato

Vessalico: macello comprensoriale di valle, il Ministero dello Sviluppo Economico si pronuncia "Decaduta la domanda di finanziamento"

Nuovo capitolo nell'ormai ultradecennale vicenda del macello di valle di Vessalico.

È di qualche giorno fa una lettera del Ministero dello Sviluppo Economico, giunta alle parti interessate, che spiega come: "ad oggi non risultano pervenuti elementi validi o documentazione utile al fine della predisposizione del provvedimento provvisorio di concessione propedeutico al finanziamento dell'opera infrastrutturale in oggetto", confermando che non è stato emanato alcun decreto di approvazione in tal senso.

Il Ministero ribadisce poi che, durante l'iter iniziale, ha solamente autorizzato lo spostamento di ubicazione, da Pieve di Teco a Vessalico, senza approvare alcun stanziamento di fondi e, visto il tempo trascorso e visto che ancora oggi non è chiaro se vi sia o meno l'interesse nel realizzare tale struttura ritiene ufficialmente decaduta anche la domanda di finanziamento.

Nessun finanziamento dunque e nuovo brusco stop per una delle più grandi incompiute del nostro territorio. Fermo dal 2008 il mattatoio è ormai coperto dai rovi e dai rifiuti con il solo scheletro centrale, autentica cattedrale nel deserto alle porte del paese dell'aglio. Undici anni di inutilizzo e lavori per oltre 250 mila euro realizzati per cui, a oggi, nessuno ha ancora pagato.

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium