/ CRONACA

CRONACA | 19 aprile 2019, 11:53

Incendio alla Cattedrale di Notre Dame, il Vescovo Suetta "Siamo vicini ai francesi, bisogna preservare le nostre radici" (Video)

"Non è solo un edificio di culto, che è prevalente per noi, ma è anche simbolo della Francia e della sua fede e storia Cristiana”.

Foto da Rtl.it

Foto da Rtl.it

A pochi giorni dal devastante incendio che ha parzialmente distrutto la Cattedrale di Notre Dame a Parigi, abbiamo parlato del grave fatto con il Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, Mons. Antonio Suetta.

Il Vescovo ha confermato la vicinanza della Diocesi ponentina alla Francia ed all’Arcidiocesi che custodisce la Cattedrale: “Ci siamo sentiti estremamente vicini all’Arcidiocesi di Parigi, che ha visto compromessa la storica cattedrale. Ma, contemporaneamente, ci siamo sentiti vicinissimi all’intera popolazione francese. Le immagini della televisione ci hanno mostrato tante persone, credenti e non, toccate da questo grave incidente. Le notizie che sono poi arrivate sono parzialmente buone e di questo mi rallegro: l’edificio non è compromesso ed abbiamo grande fiducia che il popolo francese voglia ricostruire la Cattedrale. Non è solo un edificio di culto, che è prevalente per noi, ma è anche simbolo della Francia e della sua fede e storia Cristiana”.

Cosa ha pensato vedendo quelle drammatiche immagini? “Credo che vederlo in fiamme abbia evocato tanti pensieri circa il cammino e l’evoluzione della nostra civiltà. Naturalmente senza voler raccogliere nessun collegamento sostanziale, possiamo interpretare anche quel segno come la necessita, che le nostre radici, tradizioni e verità più profonde alla base della civiltà, vengano custodite, conservate e preservate da ogni distruzione”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium