/ Attualità

Attualità | 15 aprile 2019, 07:14

L'asilo di Molini di Triora un servizio d'eccellenza della Valle Argentina: per il futuro si guarda all'attivazione della scuola estiva



La scuola dell'infanzia di Molini è gestita dalla Fondazione Caldani ed ogni anno, come molte altre realtà analoghe di questi paesini, deve lottare contro la carenza di iscrizioni che viaggia di pari passo con le poche nascite registrate.

L'asilo di Molini di Triora un servizio d'eccellenza della Valle Argentina: per il futuro si guarda all'attivazione della scuola estiva

Che cosa spinge una mamma ed un papà di Taggia a portare i propri figli all'asilo di Molini di Triora? Poco più di 20 km di distanza da percorrere ogni giorno, all'andata ed al ritorno ma la soddisfazione di far crescere i propri bambini in una struttura unica, soprattutto se si considera che sorge in un borgo dell'entroterra di 607 abitanti.



La scuola dell'infanzia di Molini è gestita dalla Fondazione Caldani ed ogni anno, come molte altre realtà analoghe di questi paesini, deve lottare contro la carenza di iscrizioni che viaggia di pari passo con le poche nascite registrate. In questi anni sia il vicesindaco Manuela Sasso che il presidente del consiglio comunale, Gianluca Ozenda, si sono spesi per aiutare la struttura a rimanere operativa per garantire un servizio che ha un'offerta formativa di primo livello. 

Tra le attività di pregio spicca sicuramente l'insegnamento quotidiano dell'inglese attraverso un'insegnante madre lingua, Stefy Delargy che insieme a Sabrina Allegri costituisce il corpo docente di questa scuola.

L'Asilo di Molini non ha mai fatto mancare anche le attività esperienziali utili per far conoscere la natura ed il territorio. Grazie alla collaborazione dei genitori è stato allestito un orto per la crescita di piante e vegetali e sono state numerose anche le escursioni alla scoperta delle tante attività che animano la Valle Argentina, come la raccolta delle olive e dell'uva da cui si producono l'olio ed il vino locali. Non meno importanti anche le visite presso la fattoria didattica della frazione di Agaggio, dove i bimbi hanno potuto familiarizzare con i tanti animali presenti. Nelle scorse settimane è stata organizzata anche una gita a Genova per una visita presso la famosa 'Città dei bambini e dei ragazzi' il rinomato spazio dove è possibile giocare e scoprire scienza e tecnologia divertendosi.

Insomma tante piccole occasioni di formazione che non capita di trovare spesso. Ora, l'Asilo di Molini guarda al futuro ed alla possibilità di riuscire ad attivare una scuola estiva tra giugno e luglio, nella speranza che si raggiunga il numero minimo di iscrizioni grazie ai bimbi della zona ma anche a quelli della costa che salgono a Molini durante l’estate. Intanto c’è già una notizia positiva per il prossimo anno scolastico. La scuola non dovrà temere di restare chiusa. Infatti ci sono 5 iscrizioni confermate.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium