/ POLITICA

POLITICA | 14 aprile 2019, 19:03

Imperia: Scajola "La differenziata è al 70%, ma il problema rifiuti è lontano dall'essere risolto" (video)

"Il problema del decoro e dell’organizzazione del servizio deve essere notevolmente migliorato"

Imperia: Scajola "La differenziata è al 70%, ma il problema rifiuti è lontano dall'essere risolto" (video)

La percentuale di raccolta differenziata a Imperia è salita al 70%. Il dato è stato comunicato dal Sindaco Claudio Scajola che però parla di un sistema che deve ancora andare a regime. Il primo cittadino, con un post sulla sua pagina Facebook commenta il risultato raggiunto, invitando però cittadini e Teknoservice a ottenere un miglior servizio.

Il problema della raccolta dei rifiuti è ancora lontano dall’essere risolto. – scrive Scajola - Sì, è vero, abbiamo ottenuto già un risultato importante: la differenziata ha superato il 70%, e quindi siamo in regola con le leggi dello Stato e con le disposizioni della Regione. Siamo partiti che eravamo al 36%. In questo modo evitiamo di avere sanzioni salate che graverebbero sui cittadini.



Il problema del decoro e dell’organizzazione del servizio deve essere notevolmente migliorato. Ci vuole la collaborazione di tutti, gli esercizi commerciali in primis, nella collocazione dei mastelli o dei carrellati. Ci vuole che la società incaricata, la Teknoservice riesca a garantire puntualità nella raccolta e che i giri siano completati. Ci vuole che nella stessa società ci sia maggiore armonia per garantire il servizio, ma ci vuole in primis che tutti noi si sia convinti che la città più pulita è quella che può permettere di avere maggiori turisti, e quindi di fare crescere l’economia della nostra città, e quindi di poter dare lavoro. È un compito difficile, so che abbiamo intrapreso una strada complicata, antipopolare, ma giusta. Dobbiamo migliorare, con l’aiuto di tutti i cittadini noi possiamo riuscirci. E allora vorrei che nella prossima settimana tutte queste cose che ho provato a dire ora, possiamo metterle a regime. Dopodiché chi sbaglia dovrà pagare. Questo per tutelare i cittadini che si comportano bene”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium