/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 13 aprile 2019, 12:03

Imperia: porta a porta, si spacca il fronte del sindacato. La Marca (Uil) querela le altre sigle per diffamazione. La replica "Lo sciopero si poteva fare"

La Marca annuncia una querela nei confronti di Fp-Cgil di Imperia, la Fit-Cisl Savona e Fiadel di Genova che replicano: "Lo stop agli scioperi scatta da lunedì"

Imperia: porta a porta, si spacca il fronte del sindacato. La Marca (Uil) querela le altre sigle per diffamazione. La replica "Lo sciopero si poteva fare"

Ho dato mandato all’avvocato Maria José Sciortino di querelare per diffamazione a mezzo stampa le sigle Fp-Cgil di Imperia, la Fit-Cisl Savona e Fiadel di Genova”. Si arricchisce di un nuovo capitolo il caso scoppiato ieri sera, quando le tre sigle hanno inviato una nota stampa attaccando il sindacalista Uil Luigi La Marca, reo, secondo quanto contenuto nella lettera, di aver diffuso false informazioni ai media sull’impossibilità di programmare il blocco degli straordinari dei lavoratori Teknoservice in periodo pre pasquale.

La Marca, che già ieri era intervenuto attaccando i colleghi e accusandoli di non conoscere la normativa, oggi a Imperia rivela di aver dato mandato ai suoi legali di presentare querela nei confronti delle tre sigle che hanno firmato la nota stampa.

Sulla vicenda, il sindacalista, responsabile provinciale Uil Trasporti, si difende chiarendo di aver parlato telefonicamente con la Commissione di Garanzia, che avrebbe consigliato di evitare lo sciopero che sarebbe stato stoppato in caso di ricorso dell’azienda.

Ci vogliono dieci giorni di preavviso da quando avremmo dovuto attivare la procedura, ovvero dal 1 aprile. Dopo dieci giorni sarebbe arrivato l’11 aprile. Entro pochi giorni dopo sarebbe scattato il periodo di franchigia, per cui, cosa lo avremmo fatto a fare lo sciopero, per due, tre giorni?”.

La normativa del contratto collettivo nazionale prevede infatti che il periodo di franchigia, durante il quale gli scioperi sono vietati dalla legge, a Pasqua scatta dal lunedì precedente, ovvero in questo caso dal 15 aprile.

Ora La Marca è pronto a far partire la procedura di blocco dello straordinario che sarà attuato dopo le festività. “Lo farò però solo come Uil Trasporti. – spiega – Chiederò incontri al Sindaco, al Prefetto, avvierò la procedura di raffreddamento, ma sempre e solo come Uil”.

La Marca la prossima settimana sarà a Riccione per un incontro sul tema delle pensioni integrative. “In quella sede incontrerò i delegati nazionali delle tre sigle e chiederò loro provvedimenti su quanto accaduto”.

Le altre sigle replicano dichiarando che se si fosse avviata la procedura di blocco degli straordinari, lo sciopero sarebbe durato almeno quattro giorni.

Da giorni chiediamo al collega della UILTRASPORTI che ci dia la copia del parere negativo che ha detto di avere. – spiegano - Questo è il punto: o ha il parere oppure ha raggirato i giornali,   a cui ha fatto pubblicare una falsa notizia, noi sindacalisti e soprattutto i lavoratori che, esausti del lavoro, debbono continuare coi turni massacranti.

Poi, a proposito della conoscenza della normativa, il CCNL.chiarisce che dall’11 aprile avremmo potuto legittimamente attuare il blocco per almeno quattro giorni, ma chissà perché, il tanto preparato sindacalista ce lo spiegherà, lo sciopero si doveva posticipare. A chi faceva comodo? Perché ha voluto impedirlo?
”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium