Attualità - 09 aprile 2019, 14:42

Sanremo: il 'Ruffini Aicardi' scende in campo e va in rete contro il bullismo nello sport

Il primo incontro del progetto F.I.S.CH.I.O (Federazione di scuole in rete), si terrà domani, mercoledì 10 aprile

Sanremo: il 'Ruffini Aicardi' scende in campo e va in rete contro il bullismo nello sport

All’Agraria di Sanremo è atteso per domani, mercoledì 10 aprile, il primo incontro di formazione del progetto F.I.S.CH.I.O (Federazione di scuole in rete), con sede a Roma e promosso dal Miur per favorire l’integrazione delle diversità e contrastare il dilagante fenomeno del bullismo sul web.

"Insieme all’esperto 'tutor' Mauro Ozenda, già impegnato in attività di formazione nelle scuole a livello nazionale, i ragazzi svolgeranno uno stage relativo alla tutela dell’identità ed alle norme comportamentali del buon cittadino digitale. Siamo davvero sicuri in rete? Esiste una memoria storica della reputazione digitale? A cosa possono portare la pratica del doxxing o le ingiurie dei troll/haters sui Social Media? Il vocabolario che nel gergo di Internet è comunemente usato nella quotidianità, spesso non viene compreso dagli adulti che non riescono ad avvicinarsi al mondo ormai lontano dei loro figli, nativi digitali, con conseguenti problemi correlati alla mancanza di controllo - o di difesa - nei confronti della loro educazione".

"Ma genitori troppo tifosi e allenatori distratti non sono certo gli unici responsabili dei comportamenti 'da bulli' spesso denunciati alla Stampa o ai Dirigenti scolastici; il nuovo mondo sta sostituendo il campo da gioco con l’ambiente digitale, la squadra con il gruppo su WhatsApp o Telegram, mentre le speranze di successo sono legate al numero dei like sulle principali piattaforme di condivisione immagini e video Instagram o Youtube".

Siamo tutti responsabili del comportamento dei minori in rete e, se conosciamo per tradizione le regole della comunità, non è detto che riusciamo ad essere così pronti anche nell’ambito delle nuove 'Community' - ricorda la Prof.ssa Fulvia Natta, referente contro il cyberbullismo, auspicando quindi che tali iniziative possano estendersi anche alla partecipazione di genitori e docenti".

"Per ora la palla passa di rimbalzo ai colleghi dell’Alberghiero, D’Agostino e Bertellotti, che nel mese di maggio riuniranno le classi terze per un analogo incontro di prevenzione".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

SU