/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 25 marzo 2019, 23:15

Imperia: detenuto del carcere appicca il fuoco nella sua cella, evacuata un'intera sezione del penitenziario

Hanno spento le fiamme gli stessi agenti della Penitenziaria, con gli estintori. Il fatto è avvenuto a poche ore dal sopralluogo del sindacato Sappe, già fissato per domattina.

Imperia: detenuto del carcere appicca il fuoco nella sua cella, evacuata un'intera sezione del penitenziario

Un’intera sezione del carcere di Imperia è stata evacuata nel pomeriggio, per l’incendio appiccato da un detenuto francese, all’interno di una cella. I fatti hanno visto, nel pomeriggio alle 16.30 circa, un detenuto italiano (C.O.) che, al secondo piano, apparentemente senza alcuna ragione e per futili motivi, ha dapprima distrutto la propria cella per poi appiccare il fuoco.

Si è subito propagato del fumo tossico in tutta la sezione, mandando nel panico gli altri detenuti del reparto (in totale 33). Provvidenziale e rapido l'intervento degli agenti della Polizia Penitenziaria che, incuranti del pericolo e grazie alla tempestività d'azione, sono intervenuti con idranti ed estintori per placare le fiamme e mettendo in sicurezza l'intera sezione, che è stata evacuata, mettendo in salvo anche l'autore del gesto.

 

“Purtroppo durante le fasi dell'intervento, quattro agenti sono rimasti feriti per intossicazione ed escoriazioni varie. Trasportati al Pronto Soccorso di Imperia hanno riportato prognosi tra i 2 ed i 7 giorni. “A loro – sottolinea il segretario del sindacato UilPa, Fabio Pagani - il plauso e tutta la nostra gratitudine per aver impedito, con il loro coraggio, conseguenze molto più gravi. Le condizioni di lavoro della Polizia Penitenziaria presso la Casa Circondariale di Imperia sono ormai divenute insostenibili e molto difficili, con turni di lavoro di 8 ore anziché delle 6 previste, ferie arretrate da smaltire, riposi settimanali in molti casi revocati e doppi turni. Ad aggravare la situazione - aggiunge Pagani - la presenza di 97 detenuti, quasi il doppio della capacità ricettiva. Auspichiamo che l'Amministrazione Centrale intervenga con adeguati e urgenti provvedimenti, individuando le giuste soluzioni e assumendo le dovute iniziative per garantire sicurezza e incolumità agli uomini in servizio e all'intero istituto".

Il fatto è avvenuto a poche ore dal sopralluogo del sindacato Sappe, già fissato per domattina. Al termine del sopralluogo i responsabili del sindacato parleranno con i media della situazione del penitenziario imperiese ed anche dell’ultimo fatto di cronaca avvenuto stasera.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium