/ SOLIDARIETÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

SOLIDARIETÀ | 24 marzo 2019, 08:30

Il Centro Aiuto alla Vita ci racconta la toccante storia di "Laura" di Taggia

Oggi Laura vive in Piemonte e vuole diventare architetto. Una delle tante belle testimonianze di aiuto concreto del CAV

Il Centro Aiuto alla Vita ci racconta la toccante storia di "Laura" di Taggia

Una nuova, toccante testimonianza di solidarietà ci arriva dal Centro Aiuto alla Vita: "Ricordo la prima ‘bimba sola’ che abbiamo ospitato a Taggia, la chiamerò Laura (nome di fantasia), bionda con grossi occhi marroni impaurita e diffidente, aveva 4 anni, la mamma con notevoli limiti psichiatrici era in una comunità, il padre totalmente assente.

Laura viveva con alcuni parenti, in un contesto di abusi e privazioni che le stava creando gravi problemi psicologici e fisici; in collaborazione con i servizi sociali abbiamo elaborato un progetto educativo ad hoc. In un anno Laura si è trasformata, circondata dall’amore e dal rispetto di educatori e volontari.

La casa di accoglienza è diventata la sua casa, gli educatori la sua famiglia, determinante nel suo percorso è stato il supporto di specifiche figure professionali, neuropsichiatra infantile, logopedista, psicomotricista.

Quando Laura ha compiuto 5 anni ha conosciuto la sua ‘nuova famiglia’ affidataria composta da papà, mamma e da un fratello ‘speciale’ più grande, anche lui in affido. Oggi Laura a 15 anni vive in Piemonte, frequenta il Liceo e vuole diventare architetto, è circondata da tanto amore. Questo è quello che facciamo!

A Sanremo, dal 1995 abbiamo dato sostegno ed aiutato ad oltre 3000 mamme e 6000 bambini e a Taggia, nella casa di accoglienza, Miracolo della Vita, dal 2001 abbiamo accolto più di 200 persone, genitori e bimbi. Puoi aiutarci a continuare il nostro percorso con un piccolo gesto che non costa nulla, la firma per il tuo 5 per mille, scrivendo il nostro C.F. 90041490088".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium