/ POLITICA

POLITICA | 22 marzo 2019, 18:03

Liguria: lavoro, l'assessore Gianni Berrino conferma "Dal 1° aprile trasferiremo i centri per l'impiego in Regione"

“Si tratta - ha aggiunto Berrino – di una misura che ci permetterà di avere maggior polso su uno strumento così importante di incrocio di domanda e offerta di lavoro, un'altra iniziativa che ci permetterà di potenziare ed efficientare l’erogazione delle Politiche Attive del Lavoro di Regione Liguria"

Gianni Berrino

Gianni Berrino

"Confermo che dal 1° aprile trasferiremo i Centri per l'Impiego in Regione con i 176 addetti a tempo indeterminato e i 67 nuovi assunti a tempo determinato”.

Così l'assessore regionale al Lavoro e alle politiche attive dell'occupazione Gianni Berrino in conclusione dei lavori del convegno "In un nuovo mercato del lavoro: scelte, opportunità, bilateralità e relazioni sindacali" organizzato dalla CNA Liguria.

“Si tratta - ha aggiunto Berrino – di una misura che ci permetterà di avere maggior polso su uno strumento così importante di incrocio di domanda e offerta di lavoro, un'altra iniziativa che ci permetterà di potenziare ed efficientare l’erogazione delle Politiche Attive del Lavoro di Regione Liguria: le nuove assunzioni hanno consentito di svuotare il bacino precedente dei lavoratori in appalto”.  

“Abbiamo posto in essere anche una procedura per l’accreditamento degli Enti Pubblici e privati che permette che essi siano selezionati, siano maggiormente controllabili e che garantiscano standard di maggiore efficienza. Oltre a ciò – ha ricordato l'assessore - con la recente misura Fast (Fondo Anticrisi per il Sostegno Territoriale), per la quale sono previsti 1,3 milioni di euro, stiamo ricollocando i lavoratori espulsi attraverso procedure di licenziamento collettivo o a seguito di Cassa Integrazione".

"Inoltre, tra le iniziative previste dalla Regione, voglio menzionare 'Garanzia Giovani 2' investimento di circa 13 milioni di euro per favorire la formazione e l’assunzione di giovani under 30 che non studiano e non lavorano, e lo stanziamento di 15 milioni di euro per le Aree di Crisi Industriali. Infine – ha concluso Berrino - segnalo che usciranno a breve altri bandi rivolti agli Enti accreditati alle politiche del lavoro per i quali impegneremo circa 8 milioni di euro”. 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium