/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 11 marzo 2019, 16:11

Sanremo: rapina ad un anziano in via Martiri, ordinanza di custodia cautelare in carcere per un tunisino 28enne

Visti i precedenti del magrebino, il fatto che viva presumibilmente solo di proventi derivanti da attività delittuose e considerata la dettagliata ricostruzione della vicenda e gli inequivocabili elementi indiziari raccolti a carico dello straniero il Gip di Imperia, su richiesta del Pubblico Ministero, ha disposto l’emissione di una misura cautelare considerando elevato sia il pericolo di fuga che la recidiva.

Sanremo: rapina ad un anziano in via Martiri, ordinanza di custodia cautelare in carcere per un tunisino 28enne

Gli agenti della sezione investigativa del Commissariato di Sanremo hanno arrestato un tunisino 28enne per una rapina messa a segno ai danni di un anziano circa un mese fa mentre percorreva via Martiri.

La vittima era stata avvicinata dal giovane magrebino il quale, fintosi conoscente dell’anziano per attirare la sua attenzione, lo ha spinto contro il muro e dopo averlo immobilizzato, simulando un abbraccio, gli ha rubato il portafogli. Lo straniero è poi fuggito a bordo di uno scooter che lo attendeva a pochi metri con a bordo un altro connazionale, allontanandosi facendo perdere le proprie tracce.

Visti i precedenti del magrebino, il fatto che viva presumibilmente solo di proventi derivanti da attività delittuose e considerata la dettagliata ricostruzione della vicenda e gli inequivocabili elementi indiziari raccolti a carico dello straniero il Gip di Imperia, su richiesta del Pubblico Ministero, ha disposto l’emissione di una misura cautelare considerando elevato sia il pericolo di fuga che la recidiva.

Nel pomeriggio di sabato, nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio svolti con l’ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine, il tunisino è stato rintracciato nel centro cittadino dagli agenti della Polizia ed immediatamente tratto in arresto, dando esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Sono in corso ulteriori indagini al fine di verificare se l’uomo, prima dell’arresto, abbia perpetrato altri reati contro il patrimonio dello stesso genere o utilizzando la stessa tecnica.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium