/ Cronaca

Cronaca | 11 marzo 2019, 07:21

Sanremo: 20 persone in piedi ieri mattina sulla balaustra in Pian di Nave, ecco perchè ha ceduto (Foto)

Come si può vedere nella foto principale, una ventina di persone hanno pensato bene di sistemarsi in piedi sulla balaustra che divide il prato dalle rovine sotterranee. Sotto il peso di tutti quegli spettatori la balaustra ha ceduto ed è caduta.

Sanremo: 20 persone in piedi ieri mattina sulla balaustra in Pian di Nave, ecco perchè ha ceduto (Foto)

E’ stata la voglia di vedere i carri fioriti, insieme ad un po’ di negligenza a far cadere la balaustra in Pian di Nave, ieri a Sanremo durante la sfilata e che, fortunatamente, non ha provocato gravi feriti.

Il fatto è avvenuto intorno alle 11, poco dopo l’inizio della sfilata e proprio durante il primo ‘passaggio’ dei carri nella zona di giardini Vittorio Veneto. Si tratta di un luogo da sempre pienissimo di spettatori, soprattutto quei ritardatari che, arrivando dal centro della città, si ammassano senza pensare che in altri posti del percorso potrebbero trovare posto senza particolari problemi.

Una volta assiepate le migliaia di spettatori, ovviamente chi è restato dietro non vedeva nulla. Come si può vedere nella foto principale, una ventina di persone hanno pensato bene di sistemarsi in piedi sulla balaustra che divide il prato dalle rovine sotterranee. Sotto il peso di tutti quegli spettatori la balaustra ha ceduto ed è caduta.

Ad avere la peggio una donna e suo figlio, ma i feriti potevano essere molti di più. Una negligenza che poteva costare cara e che deve far riflettere per il prossimo anno, al corso fiorito. Sarebbe opportuno, con un servizio d’ordine, far confluire il pubblico verso Ovest, dove anche quest’anno c’era molto più posto, oppure trovare una soluzione alternativa al percorso che, forse, sta diventando troppo ‘stretto’. Sulla ciclabile ci sarebbe stato molto spazio a ridosso del parcheggio per il Casinò, che aveva al suo interno 5 o 6 auto ma ovviamente il pubblico era relegato in via Nino Bixio.

Qualche accorgimento, insomma, per rendere il corso fiorito ancora più bello, appettibile e sicuro. Da evidenziare che, comunque, si è trattato dell’unico inconveniente e che va addebitato alla negligenza degli spettatori.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium