Leggi tutte le notizie di IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA ›

IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA | 28 febbraio 2019, 19:29

Oltre 100 passi, 100 sorrisi........Tutte le vignette realizzate da Tiziano Riverso durante il V Festival della Legalità e delle Idee.

Oltre 100 passi, 100 sorrisi........Tutte le vignette realizzate da Tiziano Riverso durante il V Festival della Legalità e delle Idee.

Si è da poco concluso il V° Festival della Legalità e delle idee promosso dal Casinò di Sanremo ed inserito nell’ambito della rassegna i “Martedì Letterari”. Per tre giorni ci sono stati incontri, dibattiti, interventi musicali e teatrali contraddistinti dal tema “Ci sono loro ma ci siamo anche noi”, una frase del Procuratore di Catanzaro dott. Nicola Gratteri che ha partecipato alla precedente edizione.

Sul palcoscenico del Teatro dell’Opera si sono alternati il dott. Gustavo Witzel, presidente aggiunto della Corte di Cassazione, Paolo Borrometi, Giovanni Impastato, Jole Garuti, Alessandro  Antiochia, Fabio Balocco, Umberto Mondini, Donatella Alfonso, Marcello Zinola, il dott. Alberto Lari, Procuratore di Imperia, la Dott.sa Grazia Pradella, Procuratore Aggiunto, la cantante La Zero, il cantautore Christian G., l’attrice Valentina di Donna, l’attrice Loredana Martinez,  la compagnia Liber Theatrum e  il cartoonist Tiziano Riverso,  che ha disegnato in diretta le frasi più significative degli interventi dal palco.

Durante gli incontri è stata ricordata anche la figura di Peppino Impastato e la sua trasmissione “Onda pazza”, che veniva trasmessa da Radio Aut. Una voce che si distingueva per le sue denunce circostanziate contro la mafia, ma soprattutto per la satira, un’arma fino ad allora sconosciuta dalla mafia. Quelle trasmissioni suonarono per la mafia come un vero proprio campanello d’allarme: fino ad allora Peppino era considerato semplicemente come uno che non aveva nulla da fare, un perditempo, ora invece veniva avvertito come un pericolo.

La mafia è un fenomeno criminale che incute timore e rispetto, ma che può essere combattuto anche con l’ironia come ci ha insegnato Peppino.

Di mafia sempre si parla, ma poche volte se ne ride.

Nella galleria fotografica troverete le principali vignette realizzate da Tiziano, vogliono essere un invito a riflettere e forse potranno regalare un sorriso anche a chi non ha partecipato agli incontri del Festival.

 

Tiziano Riverso e Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium