/ Politica

In Breve

Politica | 22 febbraio 2019, 16:33

Imperia: Scajola sull'Ordinanza 'No slot' a Ventimiglia "Non so come andrà a finire, ma mi sembra una pagliuzza”

“Non amo il gioco, ma oggi non sarebbe possibile vietarlo visto il proliferare delle offerte che si trovano online” ha detto il Sindaco.

Imperia: Scajola sull'Ordinanza 'No slot' a Ventimiglia "Non so come andrà a finire, ma mi sembra una pagliuzza”

“Su Ventimiglia, non so come andrà a finire, ma mi sembra una pagliuzza”: lo ha detto Sindaco di Imperia Claudio Scajola durante il Consiglio comunale di Imperia in corso oggi pomeriggio (tutte le notizie QUI), in replica alla proposta di Maria Nella Ponte di far propria l’ordinanza del Sindaco Enrico Ioculano, su cui ieri il Tar si è pronunciato favorevolmente, di ridurre gli orari in cui è possibile giocare.

“Non amo il gioco, ma oggi non sarebbe possibile vietarlo visto il proliferare delle offerte che si trovano online” ha detto il Sindaco. Il Consiglio Comunale ha poi votato l’annullamento dello sconto Tari ai locali ‘no slot’ con 21 voti favorevoli e 8, quelli di tutti i consiglieri di minoranza presenti, contrari. Il Consiglio imperiese si è scaldato alla discussione della prima pratica, quella relativa alla modifica del regolamento sulla Tari che prevede l’annullamento attuato dalla precedente amministrazione, dello sconto sulla Tari agli esercenti no slot. Una manovra considerata più politica che tecnica dall’opposizione, che ha messo in luce i rischi sulla ludopatia a fronte degli appena 31 mila euro che il Comune recupererà da questa scelta, come sottolineato dalla consigliera di Democratici per Imperia (Pd) Enrica Chiarini e dal collega di Progetto Imperia Luca Lanteri.

Il dibattito si è acceso dopo l’intervento della capogruppo del MoVimento 5 Stelle Maria Nella Ponte che ha sottolineato i rischi per i cittadini dovuti alla ludopatia e alla azzardopatia che, secondo le richieste di intervento all’Asl sarebbero aumentate del 300%. Un altro momento di tensione dopo l’intervento dell’Assessore al Commercio Gianmarco Oneglio che ha ricordato ai consiglieri di opposizione Guido Abbo (Imperia al Centro), nella precedente amministrazione Assessore al bilancio fino al 2016 e Alessandro Savioli (Progetto Imperia), già consigliere di maggioranza, che la situazione debitoria del Comune che ha reso necessaria la manovra sia dovuta a errori nella gestione finanziaria passata.

Savioli ha replicato all’Assessore spiegando che due suoi colleghi di giunta, Simone Vassallo e Ester D’Agostino erano in maggioranza durante la passata amministrazione. Abbo ha invece risposto di aver lavorato al meglio durante la scorsa amministrazione, senza però essere riuscito a risanare il bilancio, come riconosciuto dalla Corte dei Conti A fare chiarezza sui conti del Comune che se non viene approvato oggi va in dissesto, ci ha pensato l’Assessore al bilancio Fabrizia Giribaldi. Secondo i calcoli effettuati dal suo ufficio e dall’esperto Marco Rossi, il disavanzo ammonta a 18 milioni 99 mila 399 euro. I consiglieri di maggioranza hanno replicato all’opposizione rispondendo che non sarebbe lo sconto sulla Tari a incentivare gli esercenti a rinunciare alle slot.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium