/ Attualità

Attualità | 21 febbraio 2019, 18:22

Sanremo: case vacanza abusive, danno anche per la differenziata, Federalberghi “Sporcano la città, il lunedì mattina lasciano sacchetti sui marciapiede e vicino ai cestini”

L’associazione interviene a seguito del nostro articolo di ieri sui controlli effettuati dalla Polizia Municipale durante il Festival

Sanremo: case vacanza abusive, danno anche per la differenziata, Federalberghi “Sporcano la città, il lunedì mattina lasciano sacchetti sui marciapiede e vicino ai cestini”

Mondo del turismo e raccolta differenziata sono due argomenti legati a doppio filo anche se apparentemente distanti. Ieri si è svolto in Comune a Sanremo l’incontro tra Amaie Energia e le categorie produttive cittadine per dare il via a una campagna di sensibilizzazione nei confronti dei turisti e, sempre ieri, abbiamo diffuso i primi dati relativi ai controlli della Polizia Municipale sulle case vacanza nella settimana del Festival.

L’abusivismo, in particolare, è una piaga non solo per il comparto economico cittadino, ma anche per le percentuali di raccolta differenziata e, più in generale, per la pulizia della città. Chi affitta in ‘nero’, infatti, non conferisce in maniera regolare e contribuisce così all’abbandono di rifiuti in città. Spesso si pensa a maleducati, incivili o sbandati, ma raramente si punta il dito contro chi lavora nell’ombra senza dare traccia di sé allo Stato.

Oggi, a seguito dei due nostri articoli, anche Federalberghi prende posizione per sostenere la lotta all’abusivismo e difendere la raccolta differenziata. “Innanzitutto voglio ringraziare la Polizia Municipale per i controlli negli alloggi vacanze nel periodo del Festival che sappiamo essere molto duro per le forze dell’ordine - dichiara ai nostri microfoni Silvio Di Michele per Federalberghi Sanremo - si sono prodigati anche per queste verifiche che hanno portato risultati con un 30% di alloggi in nero sui 35 controllati. Il guaio è che, oltre alla concorrenza sleale, in molti casi si assiste anche all’abbandono selvaggio dell’immondizia che viene lasciata sui marciapiedi o vicino ai cestini con il risultato di avere il lunedì mattina una città sporca e disordinata”. 

Ieri mattina abbiamo avuto un incontro con Amaie Energia che ha messo la cosa ancor più in evidenza - prosegue Di Michele - quello che abbiamo constatato il lunedì mattina è una realtà perché anche Amaie Energia punta a scovare gli alloggi irregolari che non danno le giuste indicazioni su come smaltire. Per noi è doveroso continuare ad effettuare i controlli non solo per il bene del comparto turistico ma per tutta la cittadinanza. Il fatto che Amaie Energia voglia contattare le agenzie immobiliari e gli amministratori di condominio sul dire che il problema è grosso e che per ora abbiamo scoperto solo la punta dell’iceberg”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium