/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 20 febbraio 2019, 13:01

Olio Dop Riviera Ligure: il Presidente del Consorzio di tutela fa il punto sulla filiera controllata “Ad oggi è pari 6.500 quintali”

"Da parte nostra - spiega Carlo Siffredi - voglio invece ringraziare le 550 imprese che hanno sottoscritto i contratti di fornitura per l’olio DOP Riviera Ligure e i frantoiani e gli imbottigliatori che responsabilmente hanno sostenuto, grazie al patto di filiera, il prezzo delle olive oltre a quanto previsto dal patto di filiera dell’olio".

Olio Dop Riviera Ligure: il Presidente del Consorzio di tutela fa il punto sulla filiera controllata “Ad oggi è pari 6.500 quintali”

Con la campagna che ancora sta procedendo, la filiera controllata dell’olio atto a divenire DOP Riviera Ligure è oggi pari a 6.500 quintali. Con un'immissione nel sistema dei controlli di 35.000 quintali di olive destinate solo all’olio DOP Riviera Ligure.

Il Patto di filiera coordinato dal Consorzio di Tutela dell'olio DOP Riviera Ligure, basato sulla presentazione di fatture e la tracciabilità dei pagamenti con bonifico bancario, ha permesso che il 95% delle aziende consorziate non abbiano comprato olive sotto i 18-19 euro la quarta, pagando le olive a prezzi superiori a quelli previsti dal patto anche se le rese in olio erano basse proprio per sostenere gli olivicoltori.

"Mi immagino che l’opinione pubblica, il consumatore, i responsabili acquisti di soggetti commerciali nel corso di questi mesi siano sempre più confusi dalle informazioni che mettono sullo stesso livello il prezzo delle olive destinate alla salamoia e quelle destinate all'olio che ovviamente hanno prezzi inferiori - sottolinea il presidente del Consorzio di Tutela dell'Olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi -. Questa mia considerazione emerge ancora più forte dopo aver letto sulla stampa e sul web le dichiarazioni rese dall’Associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure. Cerchiamo di fare allora un po’ di chiarezza soprattutto a livello di prodotti perché è tirato in ballo l’olio DOP Riviera Ligure e il Patto di filiera.

Quando si parla di 18/19 euro la quarta ci si riferisce  alle cifre garantite dal Patto di filiera nel corso di tutta la campagna e ben diverse da chi sostiene che abbiamo praticato prezzi tra gli 11 e i 15 euro la quarta per le olive destinate all'Olio Dop Riviera Ligure. 

“Per quanto concerne invece le olive in salamoia - continua il Consorzio - oggi si assiste a dichiarazioni sul territorio di soggetti che sostengono di aver garantito quotazioni del proprio prodotto tra i 22 e i 25 euro la quarta. Peccato che gli stessi soggetti dimentichino di ricordare che i prezzi da loro indicati sono stati applicati solo nei primi giorni della campagna e solo per le olive da tavola, prezzi peraltro disattesi in seguito creando solo illusioni presso gli olivicoltori. Ed ora ricompaiano con dichiarazioni quando la campagna sta procedendo al termine. 

Da parte nostra - prosegue Carlo Siffredi - voglio invece ringraziare le 550 imprese che hanno sottoscritto i contratti di fornitura per l’olio DOP Riviera Ligure e i frantoiani e gli imbottigliatori che responsabilmente hanno sostenuto, grazie al patto di filiera, il prezzo delle olive oltre a quanto previsto dal patto di filiera dell’olio". L’annata in corso, complessa e di grandi quantitativi, insegna che circa un terzo delle olive raccolte vanno in salamoia e due terzi sono destinate a produrre l’olio. 

E a proposito del prezzo dell'olio. Alcuni dei soggetti che aderiscono all’associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure preferiscono commercializzare olio cultivar taggiasca senza certificazione DOP e proprio loro - che si presentano come "salvatori della taggiasca" - propongono di acquistare olio varietà taggiasca dalle aziende agricole e dai frantoiani a 7-7.50 euro al kg, valori non sufficienti all'olivicoltore ed al frantoiano per coprire i loro costi di produzione. 

E valori alquanto più bassi rispetto a quelli previsti dal Patto di filiera, pari a 10 euro al kg di olio Dop Riviera Ligure, prezzo deliberato dal consorzio di tutela - conclude il presidente del Consorzio di Tutela dell'Olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi -. Sono cifre che rendono evidente le differenze di atteggiamento e il nostro ruolo nel sostenere realmente l'economia del territorio”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium