/ Politica

Politica | 19 febbraio 2019, 15:13

Imperia: porta a porta, il 50% delle utenze non domestiche non consegnate e 5000 mastelli non ritirati, Scajola convoca azienda e sindacati (foto e video)

Parole distensive sono quelle rilasciate da Scajola ai giornali. Il Sindaco ha voluto ringraziare gli operatori ecologici per il lavoro che stanno svolgendo

Imperia: porta a porta, il 50% delle utenze non domestiche non consegnate e 5000 mastelli non ritirati, Scajola convoca azienda e sindacati (foto e video)

Circa il 50% dei cassonetti non sono stati consegnati alle utenze non domestiche e 5000 mastelli devono ancora essere ritirati dai cittadini nei centri di raccolta nelle due ex stazioni ferroviarie. Questi i numeri emersi oggi al termine della riunione convocata dal Sindaco Claudio Scajola a cui hanno preso parte gli assessori Giuseppe Fossati e Antonio Gagliano, la segretaria Rosa Puglia, il dirigente preposto Alessandro Croce, gli operatori del comparto rifiuti, i rappresentanti di Teknoservice e i sindacati, che si stanno occupando di questa prima delicata fase.

Parole distensive sono quelle rilasciate da Scajola ai giornali. Il Sindaco ha voluto ringraziare gli operatori ecologici per il lavoro che stanno svolgendo.

“Stiamo facendo in questi giorni un incoraggiamento in questa fase in mezzo al guado in attesa che la città diventi finalmente più pulita – ha dichiarato Scajola - mettendo insieme tutti quelli che operano per rendere Imperia più ordinata e bella. L’incontro era solo per un saluto e ho trovato grandissima collaborazione da parte di tutti, ci vorrà ancora un po’ di tempo ma penso neanche troppo. Serve anche la collaborazione dei cittadini, un po’ meno persone furbette e un po’ più attente. Un’organizzazione che in progress darà risultati positivi”.


L’azienda non ha voluto parlare con i giornalisti, rifiutando ogni dichiarazione. Cosa è stato detto ce lo hanno però riferito i sindacati.

“Siamo stati convocati dal sindaco con la massima urgenza per le problematiche che ci sono in città – spiega Luigi La Marca, Uil - Il nuovo servizio di raccolta differenziata porta a porta iniziata dal primo febbraio presenta ancora delle criticità che vanno risolte. Noi abbiamo sollevato il problema della sicurezza, c’eravamo già incontrati anche con l’azienda che entro il 14 marzo si è impegnata a risolvere tutti i problemi. Sia per ciò che concerne gli accordi sindacali per l’utilizzo di gps e altri strumenti per la raccolta, sia per quanto riguarda i mezzi. Entro giovedì arriveranno altri autocarri per completare il servizio ed entro fine dovrebbero essere tolti tutti i cassonetti stradali recuperando dunque i lavoratori che si stanno occupando di quelli”.

“Il sindaco si è complimentato con tutti i lavoratori per lo sforzo che stanno facendo, doppi turni e orari impossibili per riuscire a sopperire alle difficoltà che ci sono in questo avvio di porta a porta – ha dichiarato Giuseppe Gandolfo, Cgil - In città ci sono, tra l’altro, numerosi abbandoni anche di ingombranti e gli operatori si stanno dando da fare pure per quelli nonostante in città ci sia il servizio di ritiro in via Acquarone. Per gli altri problemi, l’azienda si è presa l’impegno entro un mese un mese e mezzo per riuscire a sanarli. Aspettiamo, nel frattempo saremo vigili sul servizio così come ha detto che sarà il comune”.

“Io apprezzo moltissimo la fatica che state facendo - ha detto il primo cittadino rivolgendosi ai presenti -. Questo periodo di adattamento grava soprattutto su voi che lavorate e volevo rendervi questo riconoscimento. Abbiamo capito dall'inizio che questo è un servizio che si aggiusta man mano, che non può essere pronto sulla carta”, ha aggiunto il sindaco. “Sono convinto che non abbiamo sbagliato a fare questa scelta. Bisogna perfezionare alcune cose e lo faremo basandoci sull'esperienza. Ciascuno deve fare il suo: Comune, azienda e lavoratori”.

“Qualcuno suggeriva la proroga – ha ricordato Scajola - ma io non credo che i problemi si risolvano spostandoli in avanti. Dobbiamo marciare tutti insieme per raggiungere l'obiettivo di avere Imperia più pulita. Quando questo traguardo sarà raggiunto, voglio venire qui in Consiglio Comunale e festeggiare insieme a voi”. Presenti all'incontro anche il vice sindaco Giuseppe Fossati, l'assessore Antonio Gagliano, i dirigenti comunali, i vertici della Teknoservice e le rappresentanze sindacali.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium