/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 18 febbraio 2019, 07:21

Santo Stefano al Mare: salvataggio di una donna sugli scogli, agente stagionale della Polizia Locale riceve lettera d'encomio

"Lei ha dimostrato con la sua prontezza di spirito, grande senso del dovere e di appartenenza ma soprattutto evidenziato che la pubblica amministrazione non sia una entità anonima" - ha scritto il sindaco Di Placido

L'agente Maria Cristina Cauteruccio

L'agente Maria Cristina Cauteruccio

Il sindaco di Santo Stefano al Mare Elio Di Placido ha inviato una lettera di encomio all’agente della  Polizia Locale Maria Cristina Cauteruccio. Lei, agente stagionale in forze al comando sanstevese, lo scorso luglio si era resa protagonista del salvataggio di una donna (LINK).

Come ha evidenziato il primo cittadino nella missiva, riferendosi all’intervento fatto dalla vigilessa: “…dimostrando elevata capacità professionale, notevole determinazione operativa, in quanto, mettendo a repentaglio la propria vita, permetteva di salvare da ben più triste epilogo una persona immobilizzate prima di coscienza, sugli scogli in cima al molo, con il mare che si stava ingrossando, consentendo alla malcapitata di ricevere le più tempestive e preziose cura da parte dei sanitari fatto intervenire prontamente sul luogo dell’intervento”.

Il sindaco ha ringraziato l’agente Cauteruccio per il salvataggio effettuato sottolineando l’importanza del gesto con parole significative: “Il suo senso del dovere non disgiunto alla sensibilità personale ha contribuito a fare in modo che la grave situazione verificatosi non precipitasse scongiurando conseguenze peggiori. Lei ha dimostrato con la sua prontezza di spirito, grande senso del dovere e di appartenenza, ma soprattutto evidenziato che la pubblica amministrazione non sia una entità anonima ma è fatta di persone che contribuiscono ogni giorno con l’impegno quotidiano alla crescita della comunità cittadina. Le parole spesso non riescono a dare il senso della grandezza del gesto”.

Il periodo di servizio presso la Polizia Locale di Santo Stefano al Mare è terminato da diverso tempo ma l’agente Cauteruccio ricorda positivamente l’esperienza. Sono stati mesi intensivi per lei che è finita sulle pagine  della cronaca locale numerose volte anche se non sono mai state indicate le generalità. Infatti grazie a questo agente stagionale, oltre al salvataggio che le è valso l’encomio, sono stati tratti in salvo anche un cane, un rapace ed un anziano che si era allontanato dall’affetto dei propri cari. Inoltre, il suo impegno insieme ad un collega della vicina Riva Ligure ha permesso anche il fermo a tempo di record di alcuni soggetti che avevano effettuato un furto di oggetti ai bagnanti in spiaggia. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium