/ ECONOMIA

Che tempo fa

Cerca nel web

ECONOMIA | 11 febbraio 2019, 11:52

Arriva il mal di primavera: come combatterlo?

La primavera è da sempre considerata un periodo felice, ricco di speranza e gioia di vivere, ma per qualcuno è un vero e proprio incubo. Non solo per le allergie tipiche della stagione, ma anche per gli effetti della sindrome da stanchezza primaverile

Arriva il mal di primavera: come combatterlo?

Foto di Mike DelGaudio - Flickr

La primavera è da sempre considerata un periodo felice, ricco di speranza e gioia di vivere, ma per qualcuno questa stagione può essere un vero e proprio incubo. Questo non solo per le allergie tipiche della stagione, ma anche per gli effetti della sindrome da stanchezza primaverile, che affligge molte persone nonostante l’arrivo dei primi tiepidi raggi di sole e il risveglio della natura. 

Che cos’è la sindrome da stanchezza primaverile? Si tratta di una sindrome stagionale che colpisce molti italiani (quasi due milioni) in percentuale sei volte maggiore nelle donne rispetto agli uomini secondo il presidente della Società italiana di psichiatria (Sip) e direttore del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano, Claudio Mencacci. La sindrome comporta uno stato di depressione generale, con problemi di insonnia, stanchezza diffusa, irritabilità, poca concentrazione e scarso appetito.

Probabilmente la causa di questi malesseri fisiologici è dovuta ai repentini cambi climatici tipicamente stagionali, quando un giorno il clima è freddo e umido, ma il giorno dopo il sole splende e la temperatura sale. Arrivando dall’inverno, alcune persone non possiedono sufficienti scorte di energia per affrontare questi cambiamenti ed ecco perché compare la tipica stanchezza primaverile.

Come rimediare? Per porre rimedio a questi momenti difficili per alcune persone, si possono mettere in atto diverse strategie volte a migliorare i fastidiosi sintomi che il mal di primavera comporta.

Prima di tutto si consiglia di passare più tempo all’aperto per fare in modo che l’organismo rilasci più serotonina (anche detta ormone della felicità). Sarà poi necessario svolgere qualche forma di attività fisica che consenta di risvegliare il fisico dal lungo inverno.

L’attenzione a ciò che si mangia diventa fondamentale. Non basta aver seguito una sana alimentazione post natalizia per poter affrontare al meglio questo periodo. È necessario assicurare al proprio organismo un massiccio introito di vitamine e cibi salutari.

Via libera dunque a frutta e verdura per le vitamine e a cibi ricchi di ferro, magnesio, potassio e vitamina B per sentire meno la stanchezza e la depressione. Anche bere tanta acqua rientra tra i consigli per combattere questa sindrome, visto che l’idratazione è necessaria per far funzionare l'organismo come deve.

Sconsigliate invece le abbuffate, pur se di cibo salutare. Un pasto eccessivo infatti rende maggiormente complicata la digestione e questo provoca la famosa sonnolenza post-prandiale. Meglio mangiare poco ed eventualmente più spesso.

Un’altra ottima soluzione arriva dal mondo degli integratori. Spesso, infatti, i rimedi di tipo alimentare e l’esposizione ai primi tiepidi raggi di sole non sono sufficienti e assumere un integratore ricco di vitamine o minerali, con effetto ricostituente, potrebbe essere un’ottima idea.

Tuttavia non è semplice capire il tipo di integratore da utilizzare, visto che sul mercato ne esiste una grande varietà e non è facile trovare il più adatto alle proprie esigenze. Lorena Castillo, una delle autrici del nuovo sito ABCINTEGRATORI, ci spiega come poter scegliere l’integratore in base alle necessità personali:

“Scegliere il prodotto adeguato può essere complicato. È necessario analizzare le caratteristiche degli integratori disponibili, valutandone attentamente i punti forti e deboli di ciascuno di essi. Consiglio sempre di leggere attentamente il retro delle etichette e di non fermarsi a quella frontale, perché la composizione di un integratore può dire molto sulla sua qualità”.

Sulla base di questi consigli, è possibile quindi andare a ricercare, per esempio, un integratore a base di magnesio, che rappresenta un ottimo rimedio per contrastare la stanchezza e l’irritabilità che colpiscono in questa stagione. Anche gli integratori di vitamine B possono essere ideali per recuperare l’energia che scarseggia in questo periodo.

Questi rimedi sono già sufficienti per risolvere la maggior parte dei problemi relazionati alla sindrome da stanchezza primaverile. Un’alimentazione adeguata, accompagnata da qualche buon integratore e un’idratazione sufficiente, può davvero fare la differenza in chi ha problemi da marzo in poi.

Per i casi più estremi, in cui i sintomi non migliorano o addirittura peggiorano, è consigliabile rivolgersi a un medico, che potrà dare i migliori suggerimenti per arrivare all’estate con più serenità ed energia.

 

ip

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium