/ Cronaca

Cronaca | 09 febbraio 2019, 19:19

Calati i controlli al confine italo-francese: pendolari e turisti italiani sono riusciti a transitare, rientrato l'allarme

Qualche attimo di tensione, quello di oggi pomeriggio, che arriva in un momento non semplice tra i governi di Italia e Francia che stanno vivendo una sorta di ‘guerra fredda’ dopo le dichiarazioni dall’una e dall’altra parte.

Calati i controlli al confine italo-francese: pendolari e turisti italiani sono riusciti a transitare, rientrato l'allarme

Si transita senza problemi, dal tardo pomeriggio di oggi, ai confini franco-italiani di Mentone dove quest’oggi molti italiani hanno avuto problemi di rientro, chi dal lavoro e chi da un momento di relax.

I controlli ed il ‘filtro’ messo in atto dalla polizia francese, infatti, ha rallentato notevolmente il transito, sia sull’autostrada nella zona de La Turbie, che ai confini di San Ludovico e San Luigi. Alcuni italiani ci hanno anche scritto, evidenziando di sentirsi quasi ‘ostaggio’ della Francia, visto che non riuscivano a rientrare nel nostro paese. Si trattato di un inasprimento dei controlli, tra l’altro richiesti più volte negli ultimi tempi dalle autorità italiane, che ha creato lunghe code sia sull’autostrada che sulla statale Aurelia.

I controlli sono dovuti al tentativo di evitare ai cosiddetti ‘gilet gialli’ francesi di sconfinate in Italia per eventuali manifestazioni come accaduto nel dicembre scorso. Molti italiani, tra cui anche alcuni pendolari frontalieri, sono però rimasti invischiati nella ragnatela eretta dalla Gendarmerie francese e sembra che qualcuno sia stato respinto.

Nel tardo pomeriggio, con lo scongiurato ‘pericolo’ che i gilet gialli potessero oltrepassare il confine, la situazione è tornata alla normalità ed anche i controlli della polizia transalpina sono diminuiti. Qualche attimo di tensione, quello di oggi pomeriggio, che arriva in un momento non semplice tra i governi di Italia e Francia che stanno vivendo una sorta di ‘guerra fredda’ dopo le dichiarazioni dall’una e dall’altra parte.

Il video di Cinzia Franco:

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium