/ AL DIRETTORE

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | 06 febbraio 2019, 07:25

Sanremo: paziente di Gastroenterologia elogia il Primario e tutto il reparto "Deve restare al Borea!"

"Se io avessi nella mia scuderia un cavallo vincente, certo non me lo farei scappare. Poi si piange per la fuga all' estero dei cervelli italiani".

Sanremo: paziente di Gastroenterologia elogia il Primario e tutto il reparto "Deve restare al Borea!"

Una nostra lettrice, Paola Forlano, ci ha scritto una lettera ‘aperta’, inviata anche all’Asl, dopo il suo ricovero nel reparto Gastroenterologia dell'Ospedale di Sanremo, guidato dal Dottor Massimo Conio:

“Mi rivolgo alla direzione sanitaria del vostro ospedale (spero che qualcuno possa girare questa mail all'ufficio di direzione, io non ho trovato l'indirizzo). Ho subito poco più di un mese fa un intervento all'intestino presso il reparto di Gastroenterologia diretto dal dott. Massimo Conio. Vi ricorderete di me: sono quella paziente, finita ahimè, anche sui giornali per aver avuto un incidente presso il vostro ospedale (mi riferisco alla finestra cadutami sulla testa) per fortuna senza troppe conseguenze, ma comunque sempre una cosa spiacevole. Ho ‘frequentato’ il vostro ospedale, ed in particolare il reparto del dott. Conio, e vorrei esprimere il mio pensiero. Trovo veramente riduttivo e alquanto discriminatorio, che possa chiudere un reparto come quello diretto dal dott. Conio, per essere confinato in quattro letti insieme alle malattie infettive. Come trovo deludente che un'eccellenza di professionalità ed umanità come il dott. Conio, venga così emarginato e bistrattato, forse per ragioni politico-economiche, ma questo non mi riguarda. Ma se io avessi nella mia scuderia un cavallo vincente, certo non me lo farei scappare. Poi si piange per la fuga all' estero dei cervelli italiani. Come trovo altrettanto eccezionale la sua equipe, con la dott.ssa Maimone, sempre disponibile e rassicurante, e le infermiere che collaborano nel reparto- So che questa mia mail non sortirà alcuna conseguenza, ma vorrei solo che tutte le persone con le quali ho parlato avessero questa mia iniziativa... anzi invito chi, come me, è stato ricoverato in questo reparto ed è stato trattato dall' equipe del dott. Conio, possa esprimere il suo parere”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium