/ Attualità

Attualità | 24 gennaio 2019, 12:23

Sanremo: pubblicata oggi la nuova manifestazione di interesse per la gestione del Museo del Fiore di Villa Ormond

Pare che questa volta ci sia un’azienda interessata a prendersi cura della struttura

Il Museo del Fiore di Villa Ormond

Il Museo del Fiore di Villa Ormond

Buone notizie per il futuro del Museo del Fiore. Gli uffici del Comune hanno pubblicato oggi una nuova manifestazione di interesse per la gestione della struttura e, dopo i tentativi andati a vuoto a fine 2018, pare che adesso ci sia un’azienda interessata. Entro una quindicina di giorni verrà reso noto il risultato della manifestazione di interesse e il numero degli enti che si saranno fatti avanti. 

Il Museo del Fiore è una struttura molto importante nell’offerta turistica sanremese legata alla produzione floricola e alla sua storia. All’interno ci sono veri e propri pezzi leggendari della floricoltura locale oltre a carte e documenti che testimoniano gli anni storici della produzione sanremese.

Ma dentro al Museo c’è anche un nuovo bar e aree per incontri e approfondimenti. Serve solo qualcuno che se ne prenda cura e pare che ora l’affidamento sia più vicino.  Nel pacchetto del Museo del Fiore è compresa anche la palazzina ‘Prediali’.

La gestione viene proposta “allo scopo di garantire la massima efficacia dei servizi connessi alla gestione del Museo”. L’orario invernale (dal 7 gennaio al 24 marzo) prevede l’apertura dal venerdì alla domenica, dalle 10 alle 12.30; quello primaverile/estivo (indicativamente dal 25 marzo al 15 settembre) prevede l’apertura dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.

In autunno (indicativamente dal 16 settembre al 31 dicembre) il Museo dovrà essere aperto dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 12.30. Ci saranno poi aperture straordinarie per eventi o festività: Festival di Sanremo, Corso Fiorito, Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, Premio Tenco e su specifiche richieste dell’amministrazione in base all’elenco delle manifestazioni.

Il servizio dovrà garantire: custodia e manutenzione ordinaria; custodia, attrezzatura e gestione del bar caffetteria; vigilanza; servizio di accompagnamento; svolgimento di attività; conservazione; attività collaterali; promozione; gestione (non in via esclusiva) della sala conferenze. L’importo a base d’asta è di 28.800 euro, soggetto al ribasso.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium