/ Attualità

Attualità | 24 gennaio 2019, 13:22

"AAA Cercasi... sorrisi per la Bielorussia!", aperta la ricerca di famiglie per ospitare bambini bielorussi durante i mesi estivi

Ogni anno Smile Onlus ospita più di 150 bambini distribuiti nelle provincie di Biella, Vercelli, Alessandria, Asti, Cuneo, Torino, Imperia, Milano, Pavia e Lecco

"AAA Cercasi... sorrisi per la Bielorussia!", aperta la ricerca di famiglie per ospitare bambini bielorussi durante i mesi estivi

Come ogni anno in questo periodo l’Associazione Smile Onlus con sede a Cavallermaggiore attiva la ricerca di famiglie per ospitare bambini bielorussi durante i mesi estivi.

"I bambini provengono soprattutto dalle zone rurali del sud della Bielorussia, zone in cui, a seguito dell’incidente nucleare di Chernobyl ancora oggi dell'80% dei bambini che vi abita ha problemi di cuore, mentre il 40% disfunzioni alla tiroide.

La presenza di sostanze radioattive nel terreno, come cesio e stronzio, contamina ogni vegetale coltivato ed ogni animale allevato, materie prime dell’alimentazione della popolazione.

Periodicamente, vengono organizzate dall’Associazione Smile spedizioni di medicinali, attrezzature mediche ed ospedaliere, materie prime alimentari e contributi per pozzi potabili, aiuti consegnati direttamente alle comunità locali dei villaggi gemellati nella regione di Gomel. 

Ospitare un bambino in Italia significa dunque dargli la possibilità di respirare per almeno un mese un’aria più pulita e mangiare cibo non contaminato. Ma questo è solo una parte degli effetti prodotti su questi bambini. Infatti, i bambini che arrivano in Italia impareranno la lingua italiana, stando in famiglie e relazionandosi con persone che il russo non lo parlano! Instaureranno nuove relazioni, con adulti e coetanei italiani; avranno modo di osservare e vivere una società molto diversa dalla loro. Potranno fare esperienze che nel loro paese neanche si immaginano: vedere il mare ad esempio, o le montagne. I villaggi da cui i bambini provengono sono per lo più chilometri di terra piatta, con arbusti e prati bruciati dalle radiazioni.

Ospitare un bambino bielorusso, inoltre, non è solo un’opportunità che viene offerta ai bambini ma anche alle famiglie italiane che accolgono: è molto più quello che i bambini lasciano in termini di affetto, ricordi, condivisione, scoperta di quello che portano via.

Ogni anno Smile Onlus ospita più di 150 bambini distribuiti nelle provincie di Biella, Vercelli, Alessandria, Asti, Cuneo, Torino, Imperia, Milano, Pavia e Lecco. Ma sempre è alla ricerca di nuove famiglie, affinché il numero di bambini ospitati ogni anno possa aumentare sempre più, perché passano gli anni ma purtroppo non diminuiscono le conseguenze dell’incidente nucleare di Chernobyl ed i bambini bielorussi hanno bisogno di venire in Italia per migliorare la salute: un mese di soggiorno aiuta ad abbassare la radioattività accumulata in un anno dal 40%al 60%.

Per tutti coloro che volessero informazioni sui periodi e modalità di accoglienza possono rivolgersi al 339 2435752 Alessandra.

Le iscrizioni per i progetti estivi terminano entro 30/03/2019!".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium