/ CRONACA

CRONACA | 23 gennaio 2019, 09:48

Imperia: undici addette alle pulizie dell'ospedale finiscono al pronto soccorso per le esalazioni dei prodotti utilizzati "Situazione già nota all'azienda" (foto e video)

E’ il quadro drammatico di quanto avvenuto all’interno dell’ospedale e del pronto soccorso dove le undici donne sono state portate d’urgenza. Le abbiamo incontrate e, seppur ancora scosse hanno accettato di parlare con noi per raccontare quanto accaduto

Imperia: undici addette alle pulizie dell'ospedale finiscono al pronto soccorso per le esalazioni dei prodotti utilizzati "Situazione già nota all'azienda" (foto e video)

Undici lavoratrici dell’azienda Markas, che si occupano delle pulizie nell’ospedale di Imperia questa mattina all'alba sono finite al pronto soccorso per problemi respiratori dovuti alle esalazioni dei prodotti utilizzati. Alcune sono svenute, altre hanno vomitato, altre ancora lamentano problemi respiratori e agli occhi. Una è addirittura in terapia intensiva.

E’ il quadro drammatico di quanto avvenuto all’interno dell’ospedale e del pronto soccorso dove le undici donne sono state portate d’urgenza. Le abbiamo incontrate e, seppur ancora scosse hanno accettato di parlare con noi per raccontare quanto accaduto.



Stamattina – racconta a Imperia News Sabrina Drago, rappresentante sindacale Ugl - siamo arrivate per prendere servizio, abbiamo utilizzato la lavanderia per prendere i prodotti ed è uscito un odore acre di acido. Una situazione che perdura da vario tempo, ma dato che ieri dalla direzione è stato detto di chiudere sempre la porta della lavanderia, l’acido è rimasto all’interno, e mentre stavamo lavorando abbiamo iniziato a tossire, ad avere gli occhi rossi, vomito, io e un’altra collega siamo svenute, un’altra adesso è in camera intensiva”.

Noi – continua Sabrina - come Ugl avevamo già scritto con il nostro sindacalista Alfredo Valeggio alla Markas, la quale ci ha risposto che non è vero che c’è questa situazione. Però altre mie colleghe si sono sentite male, una è la terza volta che viene al pronto soccorso, altre si sentono male con epistassi, occhi rossi, voce che cala”.

Questo – aggiunge una seconda lavoratrice – è un problema che abbiamo espresso da alcuni mesi al capo del personale. Questi prodotti ci danno una forma di allergia. Non ci hanno mai ascoltate e siamo ricorse tutte al pronto soccorso. Da quando abbiamo cambiato questi prodotti abbiamo questi problemi. Sono quindici, vent’anni che facciamo questo servizio per l’ospedale e non abbiamo mai avuto nessun problema di salute riguardo ai prodotti precedenti. Con questi purtroppo abbiamo delle conseguenze di allergie”.

Io – spiega un’altra lavoratrice – mi sono sentita male già due volte, sono stata in camera intensiva. Sono poi andata all’Inail per l’infortunio, sei giorni una volta e sei giorni l’altra. Quattro giorni me li ha dati la mia dottoressa per lo stesso problema, e stamattina la stessa cosa. Loro dicono che è impossibile che ci siano tutti questi fumi, che io sono allergica, ma io non ho mai avuto allergie. Lavoro da quasi undici anni e con gli altri prodotti non ho mai avuto problemi, da settembre li ho. Io sto veramente male, guardi i miei occhi”.  

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium