/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2019, 09:11

Costa Azzurra in 'Allerta Ecowatt' per i prossimi giorni di freddo: una iniziativa da copiare anche in Italia

E' stato attivato, fino a domenica 27 gennaio, un piano per ridurre l'illuminazione pubblica e il consumo energetico negli edifici pubblici.

Costa Azzurra in 'Allerta Ecowatt' per i prossimi giorni di freddo: una iniziativa da copiare anche in Italia

Interessante iniziativa, quella che verrà proposta fino a domenica a Nizza, per il grande freddo che dovrebbe investire la Costa Azzurra. Il territorio della Métropole Nice Côte d’Azur, in previsione di un abbassamento della temperatura, sono stati posti in alerte écowatt rouge.

Per questa ragione è stato attivato, fino a domenica 27 gennaio, un piano per ridurre l'illuminazione pubblica e il consumo energetico negli edifici pubblici.
La misure adottate prevedono lo spegnimento dell'illuminazione decorativa e la riduzione dell’illuminazione pubblica. È stata attivata la Gestion Technique et Intelligente des Bâtiments publics (GTB)). Questo dispositivo "smart city" consente, con una sola operazione e grazie a 100mila sensori, di ottimizzare il consumo di energia e di ridurre l'illuminazione decorativa di numerosi edifici pubblici (musei, uffici, biblioteche), così da prevenire qualsiasi rischio di interruzione dell’erogazione della corrente elettrica.

A causa delle sue dimensioni, la Gestion Technique et Intelligent sviluppata interamente dai servizi della Métropole Nice Côte d’Azur è considerata uno strumento pionieristico ed esemplare nel campo del controllo del consumo energetico da parte delle autorità locali. Grazie alla GTB, a Nizza, è stata disattivata l’illuminazione esterna nei seguenti luoghi:

  • Lycée Masséna e il suo giardino
  • La facciata della biblioteca di Raoul Mille
  • Il castello
  • La serra del Parc Phoenix
  • Il ponte di Gambetta Thiers
  • I giardini di Axiaux
  • Il Quai des Etats-Unis

Il consumo è stato a sua volta limitato nei seguenti luoghi:

  • Promenade des Anglais: spegnimento di due delle tre luci di ogni lampione da Carras a Gambetta.
  • Place Masséna: spegnimento di tre luci laterali di ciascun lampione.
  • Tunnel Malraux et Rive Gauche du Paillon.
  • RM99 et giratoire du CADAM.
  • RM6098/RM6007 all’altezza dell’Aéroport de Nice.
  • Nell’area dello Stade Allianz Riviera: rue du Sapin et boulevard des Jardiniers
  • Voie de « 40 mètres »
  • RM6202 du Min jusqu’à Colomars

Queste misure consentono di ridurre il consumo su Nice di 414,4 kilowatt ogni notte.

Sul territorio della Métropole Nice Côte d’Azur, il consumo è stato limitato:

  • A Cagnes-sur-Mer: Promenade de la Plage et Boulevard Kennedy.
  • A Saint Laurent du Var: Extinction du bord de mer.
  • A Beaulieu sur Mer: rue Edouard VII et rue Deroulède.
  • A Villefranche-sur-Mer: extinction du boulevard de la Corne d’Or et route de la Turbie.
  • A Eze : Extinction boulevard De Lattre de Tassigny, route de la Turbie, bord de mer et moyenne corniche.

Contemporaneamente i privati sono stati invitati a limitare il consumo di corrente e i commercianti a spegnere insegne e luci delle vetrine. Una iniziativa interessante che potrebbe essere presa ad esempio e, perchè, 'copiaincollata' anche nel nostro paese e, quindi, nell'estremo ponente.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium