/ Attualità

Attualità | 19 gennaio 2019, 19:41

Sanremo: affidata a una associazione di San Romolo la gestione dell’ex Maneggio

La Giunta ha deliberato l’assegnazione della struttura turistica

Sanremo: affidata a una associazione di San Romolo la gestione dell’ex Maneggio

È stata assegnata nei giorni scorsi la gestione dell’ex Maneggio di San Romolo. La Giunta matuziana ha deliberato martedì l’affidamento all’associazione ‘Dalma’, con sede proprio nella zona di San Romolo.

Si tratta di un affidamento senza costi per il Comune, ma che permetterà una nuova promozione della destinazione San Romolo per gli amanti della natura, una località molto amata soprattutto dai turisti stranieri.

Molti i punti inseriti nell’accordo con il Comune: il comodatario dovrà provvedere, entro il termine massimo di 12 mesi dalla data di consegna delle strutture, pena la risoluzione del contratto, all’esecuzione dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria al fine di mettere in sicurezza l’area di pertinenza dell’ex Maneggio, le scuderie (200 metri quadrati) e l’impianto elettrico nel rispetto della normativa vigente; la gestione delle strutture deve essere condotta in modo da assicurare la funzionalità, in considerazione che le stesse sono importante fonte di richiamo naturalistico, turistico, sportivo, sociale, didattico e culturale; le strutture saranno dedicate a promuovere lo sport equestre come mezzo educativo e socializzante per adulti e bambini, offrire un punto di posta per turisti a cavallo (per loro cavalli) in passeggiata e trekking, per organizzare manifestazioni, trekking, raduni e corsi equestri per bambini ed adulti, un posto per ricevere bambini in gite scolastiche; il comodatario dovrà provvedere, con personale e mezzi propri, per tutta la durata del presente Comodato alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture oggetto
dell’affidamento comprensivo delle aree e delle strutture pertinenziali ed accessorie e degli impianti di qualsiasi genere (esclusa area pic-nic che sarà esclusivamente oggetto di sfalcio e pulizia da parte del privato), alla pulizia e custodia delle aree e strutture, alle spese per tutto il personale ritenuto necessario, il cui trattamento dovrà
essere conforme ai contratti collettivi di lavoro in vigore e soggetto alle assicurazioni previdenziali ed assistenziali, alle spese per tutte le utenze necessarie al servizio delle strutture in affidamento (quote fisse e variabili), con voltura dei contatori al momento della consegna dell’impianto, agli oneri tributari di qualsiasi natura, esclusi quelli afferenti alla proprietà delle strutture.

L’associazione aggiudicataria dovrà provvedere anche alla perfetta funzionalità, la sicurezza e l'igiene delle strutture e dei relativi servizi; è responsabile degli eventuali danni arrecati a terzi e dovrà provvedere al ripristino di immobili, attrezzature e impianti per eventuali danni derivanti da qualsiasi causa, compresi gli atti vandalici.

Il privato assume in modo esclusivo, diretto e totale, ogni rischio e responsabilità sotto il profilo civile e penale inerente e conseguente alla gestione delle aree, delle strutture e delle attività svolte, è comunque esclusa qualsiasi responsabilità del Comune nei confronti dei terzi in dipendenza di fatti inerenti o comunque connessi alla gestione delle aree e delle strutture di cui al precedente art. 1 e delle attività collegate.

L’associazione privato dovrà acquisire, a sua cura e spese, tutti i titoli autorizzativi eventualmente occorrenti per lo svolgimento delle attività svolte. L’eventuale pubblicità effettuata nell’ambito delle aree e delle strutture dovrà essere realizzata nel rispetto della normativa vigente in materia.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium