/ Al Direttore

Al Direttore | 16 gennaio 2019, 14:30

Essere clochard a Sanremo una storia di tutti i giorni nel racconto del lettore Claudio Fornero

"Il pensiero di Sanremo evoca nella mente di chi vi è stato e di chi l’ha solo vista in televisione, grandi emozioni, sensazioni, ricordi, ma così non è..."

Essere clochard a Sanremo una storia di tutti i giorni nel racconto del lettore Claudio Fornero

Il pensiero di Sanremo evoca nella mente di chi vi è stato e di chi l’ha solo vista in televisione, grandi emozioni, sensazioni, ricordi.

Sole, mare, fiori, musica, tutte emozioni che si accavallano nella mente di chi vorrebbe vivere a Sanremo, ma non può. Purtroppo, però, Sanremo non è solo una bella facciata da ammirare e invidiare, come tutte le città del mondo ha i suoi risvolti non sempre piacevoli. Oramai da diversi mesi viviamo un’esperienza per nulla piacevole: i clochard. Beninteso, non sono un problema per noi… sono un problema per il Comune! Strano, ma vero, nel Palazzo del Comune, tutti gli Assessori, il Sindaco e chi di dovere sono stati interpellati per risolvere questo problema apparentemente senza soluzione.

Ma facciamo un passo indietro: chi sono i clochard? Sono persone senza tetto, senza casa o fissa dimora, che da lungo tempo non hanno un luogo fisso ove dimorare, comunemente chiamati ‘barboni, vagabondi’ ecc., ma sono esseri umani come noi, a volte obbligati dalle circostanze a vivere nelle strade o, a volte, per libera scelta. Va detto che molti di loro hanno scelto di condividere questa vita, oserei dire di stenti, in compagnia di uno o più cani che alla fine dimostrano di essere i loro ‘veri’ amici.

In molte città italiane, che non starò a enumerare, il Comune stesso, sensibilizzando le istituzioni assistenziali ha trovato una soluzione per dare a queste persone un rifugio per la notte, un luogo dove potersi lavare, rifocillare ecc. A Sanremo, tutto cambia. Stiamo seguendo assiduamente le vicissitudini di due coniugi, di cui, uno residente della città dei fiori e l’altro no, in quanto gli è stata rifiutata la residenza per mancanza di abitazione. Questa coppia, si rifugia in un angolo all’esterno della Stazione Ferroviaria in Corso Cavallotti. Sono persone che non schiamazzano, non disturbano chi passa davanti a loro, sempre sorridenti.

Ma qual è il problema? Più volte, come dicevo poc’anzi, ci siamo rivolti a Palazzo per perorare la causa di questi coniugi, nella speranza di trovare una sistemazione, abbiamo ricevuto molte promesse, peraltro tutte disattese, i nostri amici continuano a dormire coricandosi su cartoni stesi a terra, hanno problemi ad approvvigionare cibo per se e per i loro compagni (i loro cani) dai quali non si separano, nonostante un minimo di aiuto da parte nostra.

Con l’approssimarsi delle Elezioni, le promesse fioccano, ma i risultati scarseggiano o addirittura mancano… certo, se i nostri protetti fossero stranieri, per i quali tutti si prodigano in accoglienza, sussidi e quant’altro, sarebbe facile, ma… purtroppo sono Italiani, come i terremotati, e tutti coloro che stanno aspettando che la Nazione si ricordi di loro mentre vivono in baracche sotto la neve o per le strade al freddo, con il rischio di morire assiderati e di stenti.

Perché il Signor Baglioni, nuovo ‘Opinion leader’ in difesa dei meno abbienti, non si fa portatore di un messaggio a favore ‘anche’ degli Italiani che versano in cattive condizioni? Perché per un momento di notorietà in più, al caldo dei suoi meritati(?) 800.000 Euro parla di cose di cui sa poco o nulla? Ma, soprattutto, perché il Comune di Sanremo si lancia in promesse che poi non mantiene? ‘Ai posteri l’ardua sentenza’ direbbe il Manzoni, ovvero, sarà per qualche voto in più o per la reale mancanza di soluzioni?

Personalmente, non ne facciamo una questione politica, sarebbe troppo facile scagliare pietre contro tutti, ne facciamo una questione di sopravvivenza, di amore. Speriamo vivamente che questa volta le promesse trovino un riscontro a favore di esseri umani nella necessità di sopravvivere.

Claudio Fornero".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium