/ POLITICA

POLITICA | 11 gennaio 2019, 16:50

L'importanza della raccolta differenziata: l'analisi del Gruppo dei 100 sul futuro a Sanremo

"Le scelte del Comune di Sanremo hanno portato: disagio ai cittadini per le modalità della raccolta, reso le strade della nostra città più sporche preda di topi e gabbiani ed un aumento considerevole dei costi a carico dei cittadini".

L'importanza della raccolta differenziata: l'analisi del Gruppo dei 100 sul futuro a Sanremo

“La produzione di rifiuti in Italia cala sotto 30 milioni di tonnellate. Circa 640 impianti gestiscono la maggior parte dei rifiuti prodotti mentre circa il 23% (6,9 ml di tonnellate) vengono ancora gestiti in discarica. Questa quota andrà a calare nei prossimi anni, solo dal 2017 al 2018 abbiamo un -6,8% di riduzione nell'utilizzo delle discariche”.

Interviene in questo modo il ‘Gruppo dei 100’ sulla raccolta differenziata a Sanremo. “E’ un obbligo di legge – prosegue - e può essere realizzata in diversi modi. Il Comune di Sanremo ha intrapreso una duplice scelta: la prima con l'affidamento in house alla Amaie Energia per il servizio di igiene urbana, la seconda per la metodologia del porta a porta per implementare la raccolta differenziata. Queste scelte hanno procurato: disagio ai cittadini per le modalità della raccolta, reso le strade della nostra città più sporche preda di topi e gabbiani ed un aumento considerevole dei costi a carico dei cittadini. Solo in questi ultimi tempi, anche a fronte delle nostre numerose proposte, l'amministrazione sta correndo ai ripari cercando di portare dei correttivi all'attuale modalità di raccolta. Il danno è fatto perché l'immagine della città è compromessa.

“Nel bilancio 2018 – prosegue il Direttorio del gruppo 100 - (Missione 9 - Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente, Capitoli 245000 e 245100) si evince infatti che le cifre per lo spazzamento sono circa 1,5ml, lo smaltimento in discarica pesa circa 2,8 ml di euro e la raccolta pesa 13,2 ml di euro circa. Il nostro orientamento prevede la massimizzazione della raccolta differenziata al fine di diminuire il costo pro-capite cittadino ed il costo per tonnellata di rifiuto gestito. A nostro avviso si dovranno effettuare dei correttivi tecnico-operativi al sistema di raccolta che meglio di adatteranno al nostro contesto territoriale e cittadino pur mantenendo l'attuale livello occupazionale. Stiamo analizzando diversi modelli virtuosi in italia e all'estero.

“Riepilogando – termina il Gruppo dei 100 - noi ci poniamo i seguenti obiettivi: 1) tariffazione puntuale, 2) meno disagi per i cittadini, 3) pulizia, 4) costo inferiore in bolletta, 5) sistemi concreti di incentivazione alla differenziata”.  

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore