/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 07 gennaio 2019, 16:28

Confartigianato annuncia la risposta del Ministero sulla problematica degli standard formativi per carrozzieri e gommisti

“Si tratta di un risultato di estrema importanza – commenta la Confartigianato - fortemente auspicato, che riconosce le ragioni della categoria e apre la possibilità di una revisione degli standard formativi per gommisti e carrozzieri approvati il 12 luglio 2018 dalla Conferenza Stato Regioni".

Confartigianato annuncia la risposta del Ministero sulla problematica degli standard formativi per carrozzieri e gommisti

In seguito ai ripetuti interventi della Confartigianato in materia di standard formativi per gommisti e carrozzieri, è stato ottenuto un positivo riscontro da parte del Ministero dello Sviluppo Economico che si è pronunciato favorevolmente circa l’eliminazione dello stage per le imprese in attività, come previsto dalle disposizioni della Legge 205 del 2017. 

“Si tratta di un risultato di estrema importanza – commenta la Confartigianato - fortemente auspicato, che riconosce le ragioni della categoria e apre la possibilità di una revisione degli standard formativi per gommisti e carrozzieri approvati il 12 luglio 2018 dalla Conferenza Stato Regioni, per renderlo conforme alle richiamate norme della Legge 205 del 2017”. Sulle altre criticità rappresentate dalla categoria, il Ministero sta conducendo approfondimenti e si riserva di fornire successivamente un parere. 

“Con il parere positivo del Ministero dello Sviluppo Economico che favorisce l’azione della Confartigianato, proseguiremo le pressioni presso tutte le sedi competenti per ottenere l’effettivo, concreto recepimento delle richieste della categoria e l’adeguamento degli standard formativi con tutte le conseguenti modifiche al testo dell’Accordo approvato il 12 luglio scorso dalla Conferenza Stato Regioni, affinché si possa giungere al più presto alla definitiva soluzione della problematica”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium