/ Politica

Politica | 06 gennaio 2019, 14:51

Sanremo: situazione politica in previsione delle amministrative, alcune considerazioni dell'ex assessore Umberto Bellini

Bellini: "Sarà una campagna elettorale molto impegnativa, ma se confermeremo l'attuale sindaco, i prossimi cinque anni saranno concreti e fattivi"

Umberto Bellini

Umberto Bellini

“Tra pochi mesi saremo chiamati a rinnovare la fiducia all’attuale sindaco oppure ad affidarsi ad un presunto nuovismo. Il principale competitore a Biancheri (Tommasini, ha iniziato già da tempo, e senza badare a spese, la propria campagna elettorale, capillare ed invasiva". Ad analizzare l'attuale situazione politica in previsione delle elezioni amministrative è l'ex assessore matuziano Umerto Bellini che spiega: "Dal canto suo Biancheri bene ha fatto, in occasione dell’inaugurazione dell’opera che ha portato l’acqua corrente dopo decenni a San Romolo, a ricordare che prima della campagna elettorale viene la buona amministrazione. 

"Buona amministrazione che si sta concretizzando - continua Bellini -, a mio avviso, in una serie di opere che vedranno la luce in questo anno, ferme nei cassetti del nostro Comune da troppo tempo: mi riferisco appunto all’acqua a San Romolo, alla ristrutturazione del mercato annonario, alla realizzazione della rotonda in zona foce, allo spostamento del comando della polizia municipale in zona centrale. Certo, tanto rimane ancora da fare, non certo aiutati da burocrazia paralizzante e problemi di bilancio, ma credo che se confermeremo questo sindaco i prossimi cinque anni saranno concreti e fattivi. Sappiamo bene cosa fare". 

"Certo sarà una campagna elettorale molto impegnativa. Assisteremo, come ad Imperia, a sfilate di capi partito, ministri, riunioni di giunta regionale (che magari ci farà sapere la propria opinione sugli aumenti dei pedaggi della nostra autostrada) in appoggio ad un candidato che appartiene si ad una lista civica (i 100 capitanati dal già Assessore Bissolotti) ma che dovrà fare, suo malgrado, i conti con l’arrembante Lega, sempre più xenofoba, intollerante, anti solidale. Progetti coniugati al futuro contro concretezza, dipendenza dall’estremismo politico contro moderatismo ed interesse locale. Questa la sfida - conclude l'ex assessore matuziano -, questo il quesito in mano a noi elettori”. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium