/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 06 gennaio 2019, 13:39

Cosa succederà nel 2019 a Sanremo? Dal Palazzetto dello Sport alla Tassa di Soggiorno, da The Mall al Mercato Annonario tutte le novità dell’anno appena iniziato

Già a gennaio il via ai lavori per la rotonda della Foce e a maggio ci sono le elezioni con la grande sfida Biancheri-Tommasini

Cosa succederà nel 2019 a Sanremo? Dal Palazzetto dello Sport alla Tassa di Soggiorno, da The Mall al Mercato Annonario tutte le novità dell’anno appena iniziato

Il 2019 sarà un anno potenzialmente rivoluzionario per Sanremo. Dal Palazzetto dello Sport al Mercato Annonario, dalla rotonda della Foce all’introduzione della Tassa di Soggiorno passando, a maggio, dalle elezioni comunali che disegneranno la Sanremo dei prossimi 5 anni. C’è di tutto nell’anno appena iniziato: politica, turismo, lavori pubblici.

Già a gennaio prenderanno il via i lavori per la rotonda della Foce, un progetto che il quartiere (e la città) attende da decenni. Un’infrastruttura che snellirà il traffico in una zona tristemente nota per le lunghe code nelle ore di punta e in alta stagione. Un lavoro da circa 750 mila euro per dare anche un nuovo volto all’incrocio con corso Inglesi e strada Solaro. Nelle prossime settimane sono previsti i primi interventi.

Sempre a gennaio si attendono novità sul tanto atteso completamento del parco ‘Alfano’. C’è un bando di gara aperto al quale seguirà l’assegnazione dei lavori e, poi, si spera in un rapido inizio dell’intervento. Possibile già nel 2019?
Il primo mese dell'anno vedrà anche l'inizio dei lavori per il restyling del Mercato Annonario. L'intervento dovrebbe iniziare il 21.

A febbraio l’immancabile appuntamento con il Festival di Sanremo e poi,  seguire, le puntate di Sanremo Young, sempre in diretta dall’Ariston, allungato a cinque serate grazie anche alla nuova convenzione tra il Comune e la Rai, come anche il neonato format di dicembre Sanremo Giovani. Due novità nel classico appuntamento festivaliero.

E poi il Mercato Annonario e il Palazzetto dello Sport, le due grandi opere che l’amministrazione Biancheri ha strategicamente pianificato per il 2019. Il Mercato sarà al centro di un restyling da circa 2 milioni di euro (inizio lavori previsto il 21 gennaio), un progetto ambizioso che comporterà una chiusura primaverile di circa tre mesi ma con una successiva riapertura dal volto nuovo per la struttura e per il centro città. Il Palazzetto, invece, sembra sia la vera rivoluzione per lo sport cittadino. Campi, piscine (anche se non olimpioniche), tribune, posti auto per una struttura che potrebbe anche riservare grandi novità nell’abito dell’organizzazione eventi. Le società lo attendono da anni, vedremo se alla fine le loro richieste saranno state soddisfatte.

A maggio sarà tempo di elezioni amministrative con la sfida Biancheri-Tommasini che si è accesa già prima della fine del 2018. Da una parte il sindaco uscente, dall’altra il manager candidato del Gruppo dei 100 appoggiato dai partiti della coalizione di centrodestra.

In estate due grandi novità, una amministrativa l’altra commerciale. Entrerà in vigore la tanto discussa Tassa di Soggiorno, la quota che i turisti, come accade nelle maggiori località turistiche, pagheranno per la loro vacanza a Sanremo. Un introito potenziale di circa un milione di euro l’anno che sarà reinvestito, come prevede la legge regionale, in promozione turistica e in miglioramenti alla città per renderla sempre più accogliente.

Capitolo porti. L’amministrazione Biancheri ha sempre espresso la volontà di concretizzare entro la fine del mandato (maggio) il progetto per l’ambizioso restyling di Porto Vecchio. Tutto è ancora sulla carta, siamo ancora alla valutazione delle proposte arrivate a Palazzo Bellevue, ma forse la chiamata alle urne potrebbe essere il giusto stimolo per accelerare. E poi c’è l’ecomostro di Portosole. Questione privata, come noto, ma le voci dicono di un’intenzione di partire con i lavori per la costruzione dell’hotel di lusso con vista porto già quest’anno, si dice in primavera.

Infine The Mall. Lo spauracchio dei commercianti del centro, l’outlet del lusso che potrebbe sparigliare le carte a chi da sempre fa la voce grossa nel commercio cittadino. Arriva la concorrenza vera e qualcuno dovrà rimboccarsi le maniche per contrastarla. Si dice che porti centinaia di migliaia di visitatori e, quindi, potenziali turisti. Ma saranno solo i fatti a dire se sarà davvero così.

E poi il completamento di via Matteotti e piazza Borea d’Olmo, le nuove telecamere di videosorveglianza, il via ai lavori per l’impianto crematorio di valle Armea e per il cimitero di Coldirodi. Una lunga serie di novità, lavori, progetti che definiranno il 2019 di Sanremo. Sarà la realtà dei fatti a dimostrare se sono state solo parole o se le idee sono state supportate dai fatti.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium