/ SR INKIESTE

In Breve

domenica 23 giugno
lunedì 25 febbraio
sabato 16 febbraio
martedì 12 febbraio
venerdì 01 febbraio
lunedì 31 dicembre
domenica 02 dicembre
lunedì 22 ottobre
mercoledì 17 ottobre
mercoledì 19 settembre

SR INKIESTE | 23 dicembre 2018, 07:11

Sanremo: dopo il nostro reportage arrivano i primi aiuti per i senzatetto della stazione, anonimo ristoratore dona la cena “Ci piacerebbe portare qualcosa ogni sera” (Foto)

Un gesto molto apprezzato dalla piccola comunità che, con sorriso e un po’ d’emozione, ringrazia tutti i cittadini che hanno deciso di fare anche un piccolo passo per andare loro incontro e dedicare un piccolo pensiero

Le immagini dalla stazione di Sanremo

Le immagini dalla stazione di Sanremo

Nemmeno il tempo di mostrare lo stato di degrado ed emergenza in cui si ritrova il gruppetto di senzatetto che vive al di fuori della stazione di Sanremo, che diversi cittadini hanno mostrato la propria solidarietà e si sono mobilitati subito per portare qualche bene di prima necessità quali pasta, pane, carne e anche crocchette per i senzatetto a quattro zampe.

In particolare un ristoratore sanremese (che ha preferito rimanere anonimo), dopo aver letto il nostro reportage, ha preso a cuore lo stato di emergenza di questa realtà, purtroppo celata in un angolo buio della società, e ha deciso di portare diversi piatti caldi preparati nel suo ristorante.
“Visto che ogni giorno sforniamo pizze, focacce e ogni altro tipo di alimento - dichiara il ristoratore anonimo - a noi piacerebbe portare loro ogni sera qualche cosa da mangiare”.

Un gesto molto apprezzato dalla piccola comunità che, con sorriso e un po’ d’emozione, ringrazia tutti i cittadini che hanno deciso di fare anche un piccolo passo per andare loro incontro e dedicare un piccolo pensiero.
Passo dopo passo, il gruppetto auspica che possano un giorno avere un posto caldo dove ritrovarsi, mangiare, dormire e ricominciare a vivere serenamente, con leggerezza, per quanto possa essere possibile al giorno d’oggi.

Di certo, lo stato in cui oggi si trovano a vivere, porta questa piccola comunità di senzatetto a trovarsi molto spesso nella condizione di vivere come nomadi, e dunque a dover ogni volta ricominciare daccapo, in un ambiente che all’inizio è sempre incerto e sconosciuto.

Dateci un alloggio, un dormitorio, un posto, una casa con un tetto. Io vorrei stare a Sanremo - ha dichiarato un senzatetto che ha preferito rimane anonimo - ma non buttato così. Non buttiamo via la gente e non facciamo in modo che vengano buttate altre persone, per non rischiare di fare casini. Non è possibile non avere niente”.

Luca De Vincentiis

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium