/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 18 dicembre 2018, 13:36

Vertice sul Tenda Bis in Prefettura a Cuneo: in vista della demolizione, la Francia metterà in sicurezza il "muro della vergogna"

E' questo, sostanzialmente, il punto principale dell'incontro, voluto da una sessantina di sindaci tra Piemonte e Liguria. Nessuna ripercussione sulla viabilità della SS 20. Domani un incontro sulla Cuneo-Nizza tra Piemonte e regione Provence-Alpes-Côte d'Azur.

Vertice sul Tenda Bis in Prefettura a Cuneo: in vista della demolizione, la Francia metterà in sicurezza il "muro della vergogna"

E' durato un'ora e mezza l'incontro sul Tenda bis voluto dal patto dei sindaci, capitanato da Germana Avena, primo cittadino di Roccavione, e Enrico Ioculano, sindaco di Ventimiglia. Erano presenti anche Anas, sindacati, il sindaco di Limone e la sottoprefetto di Nizza Gwanaelle Chapuis. Assenti parlamentari e consiglieri regionali. Presente Paolo Milanesio per l'assessorato ai Trasporti del Piemonte.

Proprio la sua presenza è stata fondamentale per arrivare al 'pace fatta' tra Italia e Francia. I cugini d'Oltralpe, a proprie spese, alleggeriranno il muro della vergogna, per mettere in sicurezza la viabilità in quel punto. Muro che sarà poi demolito e ricostruito. In attesa dell'abbattimento, preferiscono metterci mano loro. "E' stato un incontro utile perché ci siamo seduti tutti al tavolo. Parlarsi a distanza non aiuta a chiarire e a risolvere le cose", il commento dell'Avena. Nel frattempo, lo ricordiamo, è slittata la firma tra Anas ed Edilmaco per la ripresa dei lavori, prevista per oggi a Roma. Inghippi burocratici, legati alle polizze assicurative. Ma la firma ci sarà, probabilmente ad inizio dell'anno nuovo.

Subito dopo la firma ci sarà un nuovo vertice, per calendarizzare i lavori e stabilire una sorta di "comitato di monitoraggio" per il rispetto del cronoprogramma. Sul fronte lavoratori i sindacati hanno ribadito l'opportunità di salvaguardare e recuperare alcune professionalità della precedente ditta, la GLF. Dalla firma alla riapertura del cantiere si stima che ci vorrà circa un mese di tempo.

Domani, sempre per quanto riguarda i collegamenti tra i due Paesi, ci sarà un vertice sulla Cuneo-Nizza tra le regioni Piemonte e Provence-Alpes-Côte d'Azur. L'Italia chiederà di poter occuparsi completamente della manutenzione della linea ferroviaria, al momento in parte gestita dai francesi ma pagata dall'Italia, con costi nettamente più alti.

Barbara Simonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium