/ CRONACA

CRONACA | 18 dicembre 2018, 18:21

Botti o non botti per Capodanno? A pochi giorni da San Silvestro ecco cosa faranno i Sindaci della nostra provincia

Ci sono ancora molti indecisi mentre alcuni hanno già pensato a cosa fare. Per molti la decisione di non emettere l'ordinanza è dettata dal fatto che non avendo agenti in strada, non si potrebbe far rispettare.

Botti o non botti per Capodanno? A pochi giorni da San Silvestro ecco cosa faranno i Sindaci della nostra provincia

Quest’oggi la Polizia ha tenuto una lezione per non incorrere in incidenti con i cosiddetti ‘botti’ mentre le associazioni di animalisti chiedono un Natale ed un fine anno sereno anche per cani e gatti.

Sia per i botti che per i cuccioli fatti trovare sotto l’albero. L’Enpa chiede a chiare lettere ai Sindaci: “Basta fuochi d'artificio e stop ai botti”. Natale è alle porte e l'Ente Nazionale Protezione Animali, lancia un appello ai sindaci affinché mettano al bando i ‘botti’, proponendo un vademecum per garantire feste serene e 100%.

Proprio per questo abbiamo cercato di capire cosa intendono fare i Sindaci per il fine anno. Al momento sono ancora indecisi i primi cittadini di Sanremo e Taggia, che devono ancora decidere se promulgare o meno l’ordinanza anti botti. Per quanto riguarda la città dei fiori, negli anni scorsi era stata emessa l’ordinanza che vietava i botti, consentendo una ‘finestra’ di 20 minuti a mezzanotte, anche per poter proporre il classico spettacolo pirotecnico.

Anche ad Imperia il Sindaco Claudio Scajola deve ancora decidere il da farsi mentre a Riva Ligure Giorgio Giuffra non dovrebbe emettere l’ordinanza, seguendo le esperienze degli anni passati. Sulla stessa linea i colleghi di Santo Stefano al Mare (Elio Di Placido) e San Lorenzo, che motivano la scelta: “In un’annata triste come questa se andiamo a sopire anche questo! Ma soprattutto il problema non si risolve con l’ordinanza. Noi la sera non abbiamo la vigilanza e quindi, se la emettessimo, nessuno potrebbe applicarla. Confidiamo nel buon senso e nella responsabilità di residenti e turisti”. Forse a San Lorenzo potrebbe essere proposta un’ordinanza di divieto, ad esclusione della notte di San Silvestro.

Di parere opposto i Sindaci di Diano Marina, Cervo e San Bartolomeo al Mare: Giacomo Chiappori, Gian Paolo Giordano e Valerio Urso, infatti, dovrebbero emetterla come negli anni scorsi. Divieto quindi di ‘botti’ in tutto il golfo dianese, con l’ordinanza che sarà promulgata in tutti e tre i centri turistici.

Ordinanza già decisa ad Ospedaletti, dove il Sindaco continuerà sulla linea degli anni scorsi. Nell’estremo ponente a Ventimiglia Enrico Ioculano deve ancora decidere mentre Vallecrosia (Armando Biasi) e Bordighera (Vittorio Ingenito) non emetteranno alcuna ordinanza, confidando nel buon senso e nella correttezza di residenti e turisti. Stessa decisione per il Sindaco di Dolceacqua, Fulvio Gazzola, e per Davide Gibelli di Camporosso.

In Valle Argentina non si conosce ancora la decisione del Sindaco di Triora, Massimo Di Fazio, mentre il suo collega di Molini, Marcello Moraldo, potrebbe tornare alle vecchie abitudini, riproponendo l’ordinanza di divieto come due anni fa. In Valle Arroscia, a Pieve di Teco, il Sindaco Alessandro Alessandri conferma di dover ancora decidere, anche se è molto probabile che non venga emessa nessuna ordinanza di divieto.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium