/ Politica

Politica | 14 dicembre 2018, 15:15

Rifiuti: stanziati 1,5 mln di euro per incrementare la raccolta differenziata, 283mila alla nostra provincia

Le risorse per la nostra provincia saranno pari a 180.000 euro: nell’ambito imperiese sono 8 i Comuni con a capo il Comune di San Lorenzo al Mare (50.000 euro), in quello sanremese 11 i Comuni con capofila Taggia (100.000 euro) e, nell’ambito ventimigliese, sono 18 i comuni con capofila Ventimiglia (30.000 euro). 103mila euro sono stati destinati al Comune di Sanremo.

Rifiuti: stanziati 1,5 mln di euro per incrementare la raccolta differenziata, 283mila alla nostra provincia

Un milione e 500mila euro per incrementare i programmi comunali di raccolta differenziata e proseguire nell’importante percorso di crescita della differenziata in Liguria, Sono stati stanziati dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’ambiente Giacomo Giampedrone. Le risorse sono destinate a programmi distribuiti su tutto il territorio regionale e coordinati con le province e la città metropolitana di Genova.

Oltre a Genova, per cui sono in previsione ulteriori finanziamenti entro fine anno, le risorse per la nostra provincia saranno pari a 180.000 euro: nell’ambito imperiese sono 8 i Comuni con a capo il Comune di San Lorenzo al Mare (50.000 euro), in quello sanremese 11 i Comuni con capofila Taggia (100.000 euro) e, nell’ambito ventimigliese, sono 18 i comuni con capofila Ventimiglia (30.000 euro). 103mila euro sono stati destinati al Comune di Sanremo.

“La Liguria negli ultimi due anni ha compiuto enormi passi avanti su questo tema – spiega l’assessore regionale all’Ambiente Giacomo Giampedrone - La raccolta differenziata è infatti aumentata di 10 punti percentuali in più rispetto dal 2016 superando il 48%. Inoltre sono cresciuti i Comuni che hanno superato la fatidica soglia del 65% di raccolta differenziata, seguendo le linee guida della legge regionale 20 del 2015, che sono passati a 100 su 235. Addirittura 19 Comuni, con in testa quello di Rialto, superano l’80% della differenziata, segno che riuscire a superare i paletti minimi è possibile. Naturalmente c’è ancora molto da fare e la nuova sfida per i prossimi anni sarà quella di colmare la carenza cronica di impianti per il trattamento dei rifiuti e la gestione della frazione organica, da trattenere all’interno della regione per un ciclo di gestione dei rifiuti che potrà avere importanti ricadute anche sotto il profilo economico”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium