/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 14 dicembre 2018, 07:21

Taggia alle prese con il nuovo Servizio Civile Universale, l'assessore Negroni "Forse ancora un'occasione poi saremo aggregati ad altri comuni"

Le nuove disposizioni che prevedono il passaggio dal servizio civile nazionale a quello universale stanno comportando anche un complesso lavoro organizzativo per gli enti.

Maurizio Negroni, assessore alla tutela sociale

Maurizio Negroni, assessore alla tutela sociale

Questo sarà l’ultimo anno per il Servizio Civile organizzato in autonomia dal Comune di Taggia. L’annuncio è arrivato nei giorni scorsi durante la presentazione dei due  progetti ed il passaggio di consegne tra vecchi e nuovi volontari.

Infatti, a breve diventerà totalmente operativo il servizio civile universale. Questo comporterà alcune modifiche al servizio. Tra le diverse novità Taggia non potrà più agire autonomamente nonostante la grande esperienza maturata in questo ambito ma dovrà confrontarsi con altre realtà locali.

Sono in molti i comuni che si trovano in una situazione simile a quella tabiese ed al momento i responsabili degli uffici e gli amministratori si stanno confrontando per entrare in sintonia con le nuove disposizioni, legate al Dlgs. 6 marzo 2017, n. 40. Il passaggio da servizio civile nazionale ad universale comporterà diverse modifiche sia per i bandi che per l'accettazione dei progetti e l'accoglimento delle domande di chi vorrà far parte di questo importante percorso. 

“Quest’anno siamo in proroga ed avremo forse ancora un’occasione per fare i progetti come adesso. - ha affermato l’assessore alla tutela sociale Maurizio Negroni - Poi subentrerà il servizio civile universale che aggregherà i progetti dei vari comuni, una trentina di progetti. Noi saremo in collaborazione con i comuni come Imperia, Sanremo Ventimiglia e Vallecrosia. Abbiamo partecipato ad alcune riunioni in Regione per organizzare  il nuovo servizio civile. Parteciperemo con un ruolo attivo. A breve presenteremo anche il servizio ‘Garanzia Giovani’, una sorta di servizio civile fatto con le associazioni del terzo settore. A breve avremo una riunione con comuni ed altre realtà per definire questo iniziativa”. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium