/ Politica

Politica | 12 dicembre 2018, 15:30

Diano Marina: l'affidamento alla Gm dell'ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica nel mirino del capogruppo di Diano Riparte Angelo Basso

L'interrogazione a risposta scritta sarà presentata durante il Consiglio Comunale di domani

Diano Marina: l'affidamento alla Gm dell'ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica nel mirino del capogruppo di Diano Riparte Angelo Basso

L'affidamento dell'ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica (IAT) da parte del Comune di Diano Marina alla partecipata Gestioni Municipali, nuovamente nel mirino del capogruppo di Diano Riparte Angelo Basso che per il Consiglio Comunale di domani pomeriggio ha preparato un'interrogazione a risposta scritta al Sindaco Giacomo Chiappori.

Basso chiede di conoscere il motivo della scelta di affidare alla Gm il servizio anziché procedere a una gara d'appalto, quanto personale sia stato assunto, con che tipo di contratto e quali requisiti abbia. Il Consigliere chiede anche di conoscere nomi e cognomi dei dipendenti e se dell'impegno di spesa per l'assunzione sia stata informata la Corte dei Conti.

"I costi disposti dal Comune a favore della GM spa per far funzionare l’ufficio Iat (Informazione e accoglienza turistica) per quattro mesi del 2017 (Giugno, luglio, agosto e settembre) ammontano a 42mila euro (Iva compresa). Considerato che tali costi - evidenzia Basso - sono decisamente superiori a quelli elargiti dai comuni di Sanremo e Imperia per servizi organizzati addirittura a più ampio raggio, per comprendere meglio i motivi di tali differenze e per capire anche se tutto si sia svolto negli obblighi di legge chiedo:

- Il motivo per cui per far funzionare l’Iat non si è proceduto ad un gara d’appalto come realizzato negli altri Comuni della provincia;
- Quanto personale sia stato assunto dalla GM per svolgere tale servizio e attraverso quale procedimento concorsuale pubblico e con quale tipo di contratto.
- Quali requisiti siano stati richiesti a tale personale considerato che per gli uffici turistici si presume che i dipendenti siano plurilingue (almeno tre) e conoscitori della realtà locale e culturale.
- Il nome e cognome degli assunti con relativa retribuzione lorda corrisposta e relative spese per oneri riflessi.
- Se di tale spesa sia stato informato il revisore dei Conti e se lo stesso revisore abbia dato parere favorevole".

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium