/ POLITICA

POLITICA | 10 dicembre 2018, 18:32

Bordighera: salta il villaggio di Natale con annessa pista di pattinaggio, Ingenito “L’Amministrazione ha fatto tutto quel che doveva, se c’è qualcuno che rema contro, voglio sapere nomi e cognomi”

“L’Amministrazione ha fatto tutto quel che doveva - spiega Vittorio Ingenito - ma se ci sono delle persone dalle quali la ditta si aspettava non so quale collaborazione, allora cerchiamo di comprenderne davvero le ragioni."

Bordighera: salta il villaggio di Natale con annessa pista di pattinaggio, Ingenito “L’Amministrazione ha fatto tutto quel che doveva, se c’è qualcuno che rema contro, voglio sapere nomi e cognomi”

Sarà un Natale senza pista di pattinaggio e parco natalizio a Bordighera. La ditta Lumin’Arte, che si era aggiudicata il bando per la loro realizzazione in Piazza Eroi della Libertà, ha comunicato di rinunciare all’incarico. Lo ha annunciato in una nota questa mattina il primo cittadino Vittorio Ingenito che intende, in ogni caso, fare chiarezza su quanto accaduto. 

“Abbiamo cercato di offrire un’alternativa in più alle manifestazioni natalizie che compongono già un calendario davvero pieno di concerti ed eventi - spiega al nostro giornale - quella della pista di pattinaggio e del villaggio di Natala era una cosa in più che abbiamo provato a portare avanti. Si è presentata una sola ditta che, senza alcuna giustificazione, oggi decide di ritirarsi. Non possiamo che prenderne atto, ma è necessario comprenderne fino in fondo le ragioni. Se c’è qualcuno che rema contro è necessario comprendere chi è, se questa è la giustificazione, io voglio sapere nome e cognome delle persone che non hanno collaborato.

La scelta della Lum’Arte è stata giustificata con motivazioni che l’Amministrazione di Bordighera non ritiene abbastanza esaustive e, ovviamente, richiederà a quest’ultima la penale del caso. “L’Amministrazione ha fatto tutto quel che doveva - continua Vittorio Ingenito - ma se ci sono delle persone dalle quali la ditta si aspettava non so quale collaborazione, allora cerchiamo di comprenderne davvero le ragioni. Se viene prospettata la possibilità di fare un evento e se si offre la propria disponibilità, ma dopo tre giorni mutano le condizioni che hanno portato a questa, allora occorre comprendere bene le ragioni.” 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium